Sabato, 31 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Jack Ma perde lo scettro, il più ricco della Cina è il "re" dell'acqua in bottiglia: Zhong Shanshan
PECHINO

Jack Ma perde lo scettro, il più ricco della Cina è il "re" dell'acqua in bottiglia: Zhong Shanshan

Si chiama Zhong Shanshan il nuovo uomo più ricco della Cina, che ha scalzato dalla vetta Jack Ma, il fondatore del gigante dell’e-commerce Alibaba. Zhong ha costruito il suo impero sull'acqua in bottiglia Nongfu, popolarissima tra gli scaffali dei supermercati e dei negozi cinesi, e il suo gruppo - Nongfu Spring fondato nel 1996 nella provincia orientale dello Zhejiang - vende anche tè, succhi e bevande light.

Secondo il Bloomberg Billionaires Index, Zhong ha un patrimonio personale pari a 58,7 miliardi di dollari (50,42 miliardi di euro) due miliardi di dollari in più del fondatore di Alibaba: le sue finanze si sono rimpinguate dopo la recente quotazione in Borsa del gruppo e l’acquisizione di una quota di controllo in una delle aziende che sta lavorando a un candidato vaccino contro il Covid-19, Beijing Wantai Biological Pharmacy, quotatosi in Borsa ad aprile scorso.

A livello regionale, Zhong è il secondo uomo più ricco d’Asia, dopo Mukesh Ambani, a capo della conglomerata indiana Reliance Industries, mentre a livello globale occupa il diciassettesimo posto. L’ascesa di Zhong, noto con il soprannome di «lupo solitario» per il suo rifuggire dai circoli esclusivi di politica o affari, è anche il segnale di un momento difficile per il mondo della tecnologia cinese, che tradizionalmente sforna gli uomini in cima alle classifiche dei miliardari del Dragone: i grandi nomi del tech, a cominciare da Huawei, TikTok e WeChat, sono nel mirino degli Stati Uniti, e le tensioni con Washington spingono al ribasso il valore dei titoli sui listini.

Nongfu, invece, nel giorno dell’ingresso in Borsa a Hong Kong a inizio settembre, ha visto schizzare del 54% il valore delle azioni. Il sorpasso su Jack Ma non pare, però, destinato a durare: il fondatore di Alibaba potrebbe riprendersi lo scettro con il debutto in Borsa di Ant Group, il braccio fintech del gigante dell’e-commerce cinese, previsto per il mese prossimo e che si preannuncia come uno dei più grandi di sempre, dal quale Ma potrebbe ricavare 28 miliardi di dollari, se il gruppo raggiungerà una valutazione di 250 miliardi di dollari.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook