Giovedì, 09 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Iran: eseguita la condanna a morte di un secondo manifestante
GIUSTIZIATO

Iran: eseguita la condanna a morte di un secondo manifestante

Un secondo manifestante, Majidreza Rahnavard, è stato giustiziato questa mattina a Mashhad, in Iran, con l’accusa di aver ucciso due Basiji, componenti della forza paramilitare fondata dall’ayatollah Khomeini. Secondo l’agenzia di stampa della magistratura Mizan, Rahnavard è stato condannato per 'muharebeh' (la 'guerra contro Dio') per aver accoltellato a morte due Basiji, Hossein Zeinalzadeh e Danial Rezazadeh, e averne feriti altri quattro a Mashhad, nella provincia di Khorasan Razavi, il 17 novembre, durante la rivolta in atto dal 16 settembre, dopo la morte in custodia di Mahsa Amini, accusata di avere indossato l'hijab in modo 'improprio'.

Secondo gli attivisti per i diritti umani, Rhanavard è stato duramente picchiato durante la detenzione, tanto da subire durante l’arresto la frattura di un braccio. Successivamente è stato esposto alla TV di Stato mentre confessava gli omicidi, secondo gli osservatori e gli attivisti sotto la pressione delle autorità. È il secondo manifestante giustiziato dopo Mohsen Shekari, impiccato giovedì scorso, anche lui condannato per Muharebeh, per aver partecipato a un blocco stradale e ferito un Basiji durante le proteste.

L'avvocato: è omicidio di Stato

Non è un’esecuzione ma un «omicidio di Stato» quello che ha ucciso, a Mashhad, Majidreza Rahnavard, il secondo manifestante giustiziato in Iran da quando sono scoppiate le proteste anti-governative e il primo a essere impiccato pubblicamente. A denunciarlo è il celebre avvocato per i diritti umani, Saeid Dehghan su Twitter.
«Il procuratore, il giudice e il legale del caso Rahnavard», ha denunciato nel suo tweet Dehghan, «erano il governo», per questo la causa della sua morte «non è un’esecuzione, ma un omicidio di Stato».
Oltre a essere stata la prima sentenza di un manifestante a essere eseguita pubblicamente, quello che ha allarmato e indignato del caso di Rahnavard - accusato di aver ucciso due agenti della forza paramilitare dei Basiji - è stato anche il fatto che il suo è stato un processo lampo. E’ stato giustiziato solo 23 giorni dopo l’arresto, fa notare la Bbc.

Allarme Amnesty, l'Iran "procederà' velocemente con le esecuzioni"

«Impiccare un manifestante arrestato appena 23 giorni fa e condannato dopo un processo sommario è orrore puro. Il mondo deve mobilitarsi. La lista dei condannati a morte in attesa d’impiccagione è molto lunga ed è evidente che le autorità iraniane intendano procedere velocemente. La comunità internazionale deve impedirlo». Lo ha detto all’AGI il portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury, commentando la seconda esecuzione di uno dei manifestanti arrestati nell’ambito delle manifestazioni anti-governative in corso da ormai tre mesi in Iran. «Se pensano che le impiccagioni pubbliche fermeranno la protesta, le autorità iraniane sbagliano completamente. Produrranno ancora più protesta e ancora più rabbia», ha aggiunto Noury.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook