Giovedì, 09 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Ucraina, la minaccia di Mosca: sbricioleremo le armi dell'Occidente
IL CONFLITTO

Ucraina, la minaccia di Mosca: sbricioleremo le armi dell'Occidente

La minaccia di Mosca. Le forze russe "sbricioleranno" tutte le armi e i mezzi militari che i Paesi occidentali forniranno all'Ucraina, ha assicurato il vice ministro degli Esteri Serghei Ryabkov, citato dalla Tass. "Gli avversari della Russia - ha aggiunto - continuano ad alzare la posta, ma, come abbiamo detto fermamente in numerose occasioni, gli obiettivi dell'operazione militare speciale saranno raggiunti".

"Oggi non prenderemo nessuna decisione sulla nuova tranche di aiuti militari all'Ucraina nel quadro dello European Peace Facility, ma spero di raggiungere un'intesa politica". Lo ha detto l'Alto rappresentante della politica estera Ue, Josep Borrell, arrivando al consiglio affari esteri di Bruxelles. "A Ramstein si sono prese decisioni molto buone, ci sono stati risultati concreti e poi ogni Paese decide a livello nazionale: la Germania si è impegnata molto nei confronti dell'Ucraina e non si deve parlare solo dei carri armati. Certo, il presidente Zelensky li chiede, ma ci sono idee diverse all'interno degli Stati membri e oggi ne parleremo" ha aggiunto Borrell chiarendo che oggi sarà affrontata anche la questione del decimo pacchetto di sanzioni contro la Russia".

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha affermato che una decisione in merito all'invio dei carri armati di fabbricazione tedesca Leopard in Ucraina verrà presa presto. Parlando in un'intervista con la Tv tedesca Ard, Pistorius ha detto che Berlino ha molti fattori da considerare e che non è il caso di prendere una decisione affrettata. Tali fattori includono le conseguenze per la sicurezza della popolazione tedesca

Baerbock ha riferito che la Germania "non si opporrà" al desiderio della Polonia di inviare carri armati Leopard di fabbricazione tedesca in Ucraina, se Varsavia chiederà l'autorizzazione. "Se ci viene posta la richiesta, allora non ci opporremo", ha detto la ministra tedesca alla televisione francese Lci dopo il vertice tra il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente francese Emmanuel Macron a Parigi. "Per il momento la domanda non è stata posta" dalla Polonia, tenuta a fare richiesta ufficiale a Berlino, ha detto Baerbock. "Sappiamo quanto siano importanti questi carri armati ed è per questo che ne stiamo discutendo ora con i nostri partner. Dobbiamo assicurarci che le vite delle persone vengano salvate e il territorio dell'Ucraina liberato", ha aggiunto.

La questione della fornitura di carri armati Leopard a Kiev avrebbe causato tensioni tra Stati Uniti e Germania tali da provocare uno scontro tra il segretario alla Difesa Usa, Lloyd Austin, e il più stretto consigliere del cancelliere tedesco Olaf Scholz, Wolfgang Schmidt. A sostenerlo è il Süddeutsche Zeitung in un articolo rilanciato dai media ucraini. Secondo la pubblicazione, Washington si sarebbe particolarmente indignata per il fatto che il governo tedesco abbia pubblicamente stabilito condizioni per la fornitura dei Leopard all'Ucraina, accettando il trasferimento solo se gli Stati Uniti avessero fornito i loro tank Abrams. "Gli alleati Nato della Germania hanno reagito con aperta incomprensione o rabbia malcelata alla decisione del cancelliere Olaf Scholz di non promettere di fornire all'Ucraina carri armati Leopard. Il tono nel governo degli Stati Uniti è stato particolarmente tagliente", si legge nell'articolo. Secondo quanto riferito, Austin avrebbe tentato invano alla riunione di Ramstein di ottenere impegni per la fornitura dei carri tedeschi. La pubblicazione riporta il disaccordo di Austin con il più stretto collaboratore di Scholz e che l'incontro tra i funzionari sarebbe stato "teso". Inoltre, secondo il giornale, il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Jake Sullivan avrebbe criticato aspramente le azioni della Germania in una conversazione telefonica con il consigliere del cancelliere tedesco Jens Pletner.

In Italia, inizia oggi nell'Aula della Camera l'esame del decreto legge che prolunga per tutto il 2023 l'autorizzazione al governo ad inviare armi all'Ucraina, un provvedimento già approvato dal Senato e che dovrebbe ricevere il via libera definitivo da Montecitorio entro giovedì.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook