Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Guerra in Ucraina, Mosca risponde a Macron e Cameron: "Parole pericolose, si rischia escalation diretta in Europa"

Il Cremlino risponde al presidente della Repubblica francese che aveva ipotizzato l'invio di truppe in Ucraina e anche all'ex premier britannico sul diritto di Kiev di usare armi inglesi per colpire la Russia

L’avanzata dell’Armata russa in Ucraina e le difficoltà in cui si trovano le forze di Kiev fanno impennare a livelli di guardia le tensioni tra Mosca e i Paesi occidentali. Il Cremlino ha avvertito che c'è il rischio di una "escalation diretta" dopo che il presidente francese Emmanuel Macron è tornato ad evocare la possibilità di inviare truppe e il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha giudicato lecito per gli ucraini impiegare armi fornite da Londra per attaccare il territorio russo. In un’intervista al settimanale Economist, Macron aveva detto che l’Occidente dovrebbe prendere in considerazione l’invio di soldati in Ucraina in caso di sfondamento delle linee da parte dei russi. Una possibilità di cui aveva già parlato lo scorso febbraio, incontrando le reazioni negative degli alleati Nato, a partire dagli Usa. Anche oggi il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha ribadito l’opposizione dell’Italia: «Abbiamo sempre detto che noi non siamo in guerra con la Russia e quindi non manderemo soldati italiani a combattere in Ucraina», ha chiarito il responsabile della Farnesina. Rispetto a tre mesi fa le condizioni per le forze ucraine sono peggiorate mostrando in tutta la loro evidenza le carenze in termini di armamenti e di uomini di fronte al progredire di quelle russe. Dall’inizio dell’anno, ha detto il ministro della Difesa Serghei Shoigu, le truppe di Mosca hanno conquistato circa 550 chilometri quadrati di territorio, in particolare nel Donbass, e ora continuano a «penetrare le roccaforti ucraine lungo l’intera linea di contatto». Non è un caso, dunque, che Macron sia tornato a parlare della sua proposta ipotizzando esplicitamente un crollo delle difese di Kiev e mettendo in guardia Mosca dal cercare di approfittarne. Le parole di Macron sono «molto importanti e molto pericolose», ha affermato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, avvertendo che Mosca continua a «monitorare da vicino" le dichiarazioni di Parigi. Ma anche quelle di Londra, dopo che ieri il ministro Cameron, in visita a Kiev, ha detto alla Reuters che la Gran Bretagna non solo ha deciso di fornire aiuti per tre miliardi di sterline all’anno all’Ucraina «fino a quando sarà necessario», ma anche che gli ucraini «hanno il diritto» di usare tali armi direttamente contro il territorio russo. Un’affermazione che per Peskov configura il rischio di una "escalation diretta» tra Paesi occidentali e Mosca, e che "potrebbe potenzialmente rappresentare un pericolo per la sicurezza europea».

Proprio gli attacchi sul territorio russo, finora compiuti soprattutto con i droni, sono la risposta a cui Kiev si è affidata per cercare di far fronte alla drammatica situazione sul terreno. Adesso potrebbe rendere più letali tali raid utilizzando i nuovi armamenti, in particolare i missili balistici Atacms forniti dagli Usa. Da giorni tra le autorità russe e negli ambienti diplomatici a Mosca circolano voci su possibili attacchi al Ponte di Crimea sullo Stretto di Kerch, che unisce la penisola annessa nel 2014 al territorio della Federazione Russa, già colpito da un attentato nel 2022. Rivolgendosi direttamene agli Usa, alla Gran Bretagna e alla Ue, la portavoce del ministero degli Esteri, Maria Zakharova, ha avvertito che un simile attacco riceverebbe una «ritorsione schiacciante». E a sottolineare la gravità del momento è stata la notizia data da Mosca sul sorvolo di due bombardieri strategici russi Tu-95MS sulle acque internazionali del Mare di Bering vicino alla costa occidentale dell’Alaska. Anche gli ucraini sono in stato di massima allerta per possibili nuovi attacchi su larga scala delle forze aerospaziali russe. La testata Kyiv Independent scrive che le autorità hanno sconsigliato ai cittadini di recarsi in chiesa durante le celebrazioni di domenica per la Pasqua ortodossa e a seguire il servizio religioso online nel timore di bombardamenti. Oggi due persone sono state uccise e altre due sono rimaste ferite in un attacco russo nella città di Kurakhovo, nella regione di Donetsk, secondo le autorità ucraine locali. Mentre una donna è morta in un bombardamento a Kharkiv, nel nord-est del Paese. Nella regione russa di Belgorod, invece, un deposito di gas ha preso fuoco e due persone sono rimaste ferite in nuovi bombardamenti delle forze ucraine con droni kamikaze, secondo quanto ha riferito il governatore, Vyacheslav Gladkov.

Caricamento commenti

Commenta la notizia