Mercoledì, 03 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Musica

Home Cultura Musica Festival di Sanremo a rischio? Tra dubbi e ipotesi sul tavolo. In settimana una riunione
A CAUSA DEL DPCM

Festival di Sanremo a rischio? Tra dubbi e ipotesi sul tavolo. In settimana una riunione

festival di sanremo, Amadeus, Sicilia, Musica
Amadeus

Il Festival di Sanremo 2021 a rischio? Sinora è solo un'ipotesi. Ma certamente la disciplina del nuovo Dpcm rischia di avere delle serie ricadute sull'organizzazione della kermesse musicale. La stretta imposta dal Governo, con quasi tutta Italia in zona arancione (con due regioni rosse e pochissime eccezioni gialle) si protrarrà infatti sino al 5 marzo. Data che coincide con l'edizione di quest'anno di Sanremo, prevista dal 2 al 6 marzo.

Secondo alcune indiscrezioni le nuove misure hanno spinto i vertici di viale Mazzini a fissare una riunione per la metà della prossima settimana con tutte le parti interessate - Rai, Comune di Sanremo, Amadeus e il suo staff e i tanti sponsor - per decidere sul da farsi. Sul tavolo ci sarebbero due strade: l'assenza totale del pubblico o lo slittamento dell'evento ad aprile. Nei giorni scorsi Amadeus aveva confermato l'idea di preservare circa 500 spettatori su una nave da crociera ma qualche malumore è già emerso. A cominciare dal consulente del ministero della Salute, Walter Ricciardi: "E' una cosa un po' rischiosa, deve esser fatta col massimo rigore. Quando tu confini delle persone all'interno di uno spazio ristretto, come una nave, devi stare attentissimo, perché può esser un luogo di protezione ma se per qualche motivo c'è qualche contagio può diventare anche il luogo ideale per la diffusione".

In realtà ci sarebbero due spinte opposte: quella degli sponsor che vorrebbero un festival a marzo, anche senza pubblico, per salvaguardare gli investimenti. Uno slittamento, in primavera, presumibilmente nella seconda settimana di aprile, provocherebbe delle crepe nelle strategie di mercato degli sponsor, che dagli investimenti si aspettando grossi ritorni economici.Così come i discografici, che hanno già fissato l'uscita dei progetti discografici dei cantanti in gara per l'inizio di marzo. Dall'altro lato gli organizzatori, con Amadeus in testa, che vogliono il pubblico e che hanno sempre  parlato di Festival della rinascita.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook