Sabato, 03 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Noi Magazine

Home Noi Magazine Su Noi Magazine la Scuola che riparte verso il cambiamento e la nuova rubrica Noi e la Privacy
LE 4 EDIZIONI

Su Noi Magazine la Scuola che riparte verso il cambiamento e la nuova rubrica Noi e la Privacy

Torna domani Noi Magazine, l'inserto "giovane" del giovedì pubblicato dal 1996 nelle quattro edizioni di Gazzetta del Sud: Messina-Sicilia; Reggio; Cosenza e Catanzaro-Crotone-Lamezia-Vibo per offrire alle giovani generazioni uno strumento efficace di comunicazione e conoscenza. E' ripreso anche il progetto "Gazzetta del Sud in classe con Noi Magazine", giunto alla quarta stagione e patrocinato dall'Ordine dei Giornalisti di Sicilia e dall'ufficio scolastico, aperto a tutti gli istituti e agli Atenei di Sicilia e Calabria per incentivare tra i giovani l'interesse all'informazione di qualità, alla lettura critica, alla scrittura responsabile nel segno della legalità, dell'inclusione, dell'equilibrio di genere, dell'educazione digitale, delle tematiche ambientali.
ll progetto punta anche a valorizzare l'approccio multimediale all'attualità e viene veicolato su tutti i canali del network Ses: il giornale cartaceo, il sito web gazzettadelsud.it, la tv Rtp, la radio Antenna dello Stretto e i canali social. Al progetto è collegata la GDS Academy, ciclo di eventi web in presenza e in collegamento, trasmessi in diretta sul canale youtube della Gazzetta del Sud rendendo i giovani protagonisti del dialogo con esperti e rappresentanti istituzionali.

SULL'EDIZIONE DI MESSINA-SICILIA in prima pagina l'esperienza di Didacta, la fiera dell'innovazione nella scuola tenutasi a Misterbianco nella sua prima edizione siciliana lanciando l'idea internazionale di un hub mediterraneo dell'istruzione e della formazione, con le riflessioni di Giovanni Biondi, responsabile scientifico dell'evento, e di Annapaola Concia, coordinatrice del comitato organizzatore. Tra le novità di rilievo della nuova stagione dell'inserto "declinato al Futuro" su tutte le edizioni c'è la rubrica "Noi e la Privacy", promossa in collaborazione con il Garante per la Protezione dei Dati Personali nell'ambito del Manifesto di Pietrarsa, la "call to action" per l'educazione digitale dei giovani alla quale anche Società Editrice Sud partecipa: in questo numero i consigli ai "grandi" per aiutare i "piccoli" nella navigazione web e nell'uso dei dispositivi tecnologici, riprendendo il tema approfondito sul sito istituzionale del GPDP nella sezione dedicata alla "Generazione Privacy".

Tanti come sempre i contributi di studentesse e studenti degli istituti scolastici coinvolti nel progetto: l'Istituto superiore Copernico di Barcellona ricorda l'importanza del linguaggio e della conoscenza delle lingue straniere, celebrata nella Giornata Internazionale delle Lingue. Grande attenzione all'attualità: il Liceo La Farina propone un'acuta analisi delle ultime elezioni politiche e amministrative, riponendo fiducia nell'azione del nuovo governo, in cui l'Istruzione è stata affidata al prof. Giuseppe Valditara; l'Istituto Tremestieri Media Martino ricorda invece l'omicidio di Masha Amini, sacrificata sulla lunga strada verso l'equilibrio di genere. Dal liceo Maurolico un'emozionante viaggio tra i versi, da Leopardi a Sanguineti, mentre il Liceo Archimede ci porta a Procida, l'isola partenopea capitale italiana della Cultura. Il Comprensivo Gravitelli Paino apre l'anno nel segno dell'accoglienza e inaugura la nuova biblioteca scolastica, mentre il Comprensivo Tremestieri Media Martino racconta le suggestioni della Giornata Fai alla Lanterna del Montorsoli.
Le nuove ricerche sulla dislessia consentono di delinearne la mappa genetica e di affrontarla meglio a scuola: tutto nel nostro approfondimento, mentre il Ministero del'Istruzione lancia due importanti campagne #MIstaiacuore per la sensibilizzazione sulle malattie cardiovascolari e l'uso del defibrillatore e sulla prevenzione oncologica dei danni all'epidermide, in particolare il melanoma, promuovendo la corretta esposizione al sole e lanciando un concorso tra le scuole. Dal liceo Galilei di Spadafora arriva la toccante lettera per Lorenzo, con un incoraggiamento ad affrontare i giorni difficili della malattia, mentre l'istituto comprensivo Drago presenta DragoNao, il nuovo androide compagno di classe che agevola l'inclusione. Dal Collegio S. Ignazio la riflessione sull'ultimo "primo giorno" di scuola e il racconto emozionante dell'evento Kairòs, a cui studentesse e studenti del Liceo hanno preso parte a Sarzana per un percorso alla scoperta dell'interiorità.
L'Istituto Jaci analizza l'attuale congiuntura che tra guerra, inflazione e caro bollette impatta fortemente sulla gestione dei conti familiari. E in tema di comportamenti ecosostenibli si annuncia la campagna #risparmial'acqua, promossa dalla Regione siciliana con una serie di roadshow che coinvolgono anche le scuole: a messina la tappa dal 27 al 29 ottobre. L'Istituto superiore Majorana di Milazzo racconta l'originale connubio tra tecnologia e dialetto siciliano, mentre dal Comprensivo III di Milazzo arriva una bella notizia: due studentesse sono state premiate per i loro lavori sul valore della donazione di organi. Il Comprensivo II di Milazzo, invece, sbarca in Europa grazie a Erasmus.
Riprende intanto il tour della legalità dei carabinieri nelle scuole: saranno programmati incontri con studentesse e studenti in città e in provincia per affrontare le tematiche più attuali (bullismo e cyberbullismo, consumo di alcol e stupefacenti, uso delle tecnologie) nel segno dei comportamenti responsabili.

Nella rubrica settimanale, il prof. Marco Centorrino, docente Unime di Sociologia della Comunicazione, traccia il bilancio di un anno di "Meta", tra ambienti virtuali ma molto "reali", mentre la pagina Atenei dello Stretto propone la riflessione di UniVersoMe su BeReal, il nuovo "antisocial" con le sue inusuali dinamiche di condivisione. Sempre Unime è la cornice di due eventi internazionali, la Student Conference e il convegno dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti: ospite d'onore oggi e domani il presidente della Corte europea dei diritti dell'uomo Robert Ragnar Spano.

L'EDIZIONE DI CATANZARO-CROTONE-LAMEZIA-VIBO
apre con tutti numeri di una scuola che riparte in presenza, anche se a pesare a livello regionale - ma in linea con il dato nazionale -  è il calo di studentesse e studenti (5mila in meno rispetto al precedente anno scolastico).
L’Istituto “Malafarina” di Soverato, invece, mette in guardia su tutte le trappole della rete, mentre lo Scientifico di Decollatura parla della sua esperienza al Festival Sciabaca.
L’Istituto Nautico di Pizzo racconta il suo Battesimo del mare e dell’aria per accogliere le matricole, mentre il Liceo Classico “D. Borrelli” di Santa Severina (Crotone) dopo il successo di “Eroi di carta” si cimenta con una nuova rubrica raccontando intrighi, veleni, fake news: un gossip sul  mondo antico. Si inizia con Clodia, (Lesbia l’amata di Catullo) indipendente e spregiudicata, amata e odiata al tempo stesso.
E mentre l’Alberghiero di Soverato tira le somme della visita di una delegazione di docenti estoni nell’ambito di Erasmus “Let’s do it”, l’Istituto omnicomprensivo di Filadelfia riflette sull’importanza della prevenzione nel mese dedicato al tumore al seno e  le Consulte studentesche fanno un tuffo nel passato ritornando - sul Treno della Memoria - ai primi del secolo scorso, alla Grande Guerra, alla sue giovani vittime.
Propone due libri: “Il fabbricante di lacrime” e “Tana libera tutti” la rubrica Letti per Noi in questo numero curata dai ragazzi e dalle ragazze della Secondaria di Vena Superiore (Vibo Valentia), mentre il Liceo Scientifico Berto si sofferma sulla città antica di Vibo ed il suo rapporto con l’attualità.

SULL'EDIZIONE DI COSENZA la forza della vita guadagna la prima pagina e ha il volto del colonnello Carlo Calcagni, che dopo la missione dell’esercito italiano a Sarajevo nel 1996 è stato costretto a cambiare vita, a causa dell’intossicazione da uranio impoverito. Un’esperienza che ha condiviso con la platea di studenti e studentesse del Polo tecnico-scientifico Brutium di Cosenza. Il tema della sensibilizzazione è ben presente anche nel racconto di ragazze e ragazzi dell’Ic Spezzano-Celico che, simbolicamente, hanno “sacrificato” una ciocca di capelli per testimoniare la propria vicinanza alle donne iraniane, sconvolte dopo l’uccisione in patria di Masha Amini. Tra i temi trattati in prima pagina anche la dislessia, disturbo specifico dell’apprendimento molto comune nella popolazine scolastica. Scienza e innovazione si prendono la scena in seconda pagina, grazie alla partecipazione dell’”Erodoto di Thurii” alla Notte delle ricercatrici e dei ricercatori all’Unical. Un’altra notte intensa l’hanno vissuta allieve e allievi dell’Ic Rende Quattromiglia che hanno dato vita a una rassegna culturale sotto il cielo stellato. Di cultura e giovani sarà pieno anche il neonato Centro di aggregazione costituito a San Demetrio Corone: fortissima l’impronta del Liceo Classico. L’Ic di San Pietro in Guarano, invece, ha celebrato l’incalzare dell’autunno con la tradizionale “Festa della castagna”. Tanta arte, identità e attaccamento al territorio nel progetto itinerante dell’Ipsia Iti di Acri. Su Noi Magazine c’è spazio anche per la riflessione dei liceali dello Scientifico Fermi di Cosenza, stimolati dalla visione del film su Dante Alighieri a firma di Pupi Avati.

SULL'EDIZIONE DI REGGIO: una riflessione sulla stagione di violenza che sta attraversando l'Iran è stata al centro del lavoro prodotto dall'Istituto comprensivo Cassiodoro Don Bosco di Pellaro. Voce alle emozioni per l'avvio del nuovo anno scolastico per le "matricole" della scuola media dell'istituto comprensivo "Radice Alighieri"di Catona. All'Istituto comprensivo Telesio Montalbetti è stato presentato il progetto promosso dalla Regione sulla cultura del rischio sismico e dei comportamenti da seguire. Il parco di Ecolandia ha fatto da cornice alla giornata della terra promossa dagli istituti delle suore salesiane di Reggio, Villa e Rosarno. L'istituto Giovanni XXIII di Villa avvia le attività del percorso Erasmus che porta al confronto con diverse realtà europee. Successi internazionali per l'università Mediterranea che vede finanziare la ricerca sui temi del rispetto e della tutela dell'ambiente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook