Domenica, 17 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IN AULA

Crisi di governo, Salvini al Senato: "Rifarei tutto quello che ho fatto"

«Rifarei tutto quello che ho fatto. Continuo a pensare che si debba andare al voto». Matteo Salvini tira dritto, cominciando così il suo intervento nell’Aula del Senato, nel giorno forse più difficile della sua vita politica. Quasi una giustificazione rivolta ai suoi, in un giorno complicatissimo per la sua leadership indiscussa sino a pochi giorni fa, ma oggi criticata da tanti leghisti, a partire dai governatori del Nord, man mano che un possibile accordo giallorosso rischia di allontanare l’obiettivo sognato, quello che sembrava ormai scontato, delle urne. Ed anche il percorso dell’Autonomia.

Ma se da un lato attacca a testa bassa «l'inciucio» tra M5s e Pd, Salvini, dall’altro, tenta di lasciare aperto un ultimo strettissimo sentiero per il dialogo con i 5S, confermando di essere ancora disponibile a «votare il taglio dei parlamentari, fare una manovra coraggiosa e poi andare al voto». Parole che però non convincono più di tanto, sembrano più un espediente propagandistico per togliersi dalle mani il cerino della crisi, dopo il durissimo j'accuse di Giuseppe Conte dedicato tutto al suo vicepremier.

Matteo Salvini, più volte interrotto, in un clima di bagarre assoluta, tra urla e insulti, non fa quindi alcun passo indietro, nessun ripensamento. Difende le ragioni della sua clamorosa rottura della maggioranza gialloverde, che oggi, 12 giorni dopo, arriva a pieno compimento. Ma lo fa usando le stesse parole degli ultimi giorni. Alle accuse di tradimento, il leader leghista replica con vigore, accusando a sua volta Giuseppe Conte e i Cinque Stelle di aver lavorato all’inciucio con il Pd «già mesi fa, subito dopo l’elezione di Ursula von Leyen alla Commissione».

Giancarlo Giorgetti, lasciando l’Aula è nerissimo. «Tutto come previsto». Anche i toni durissimi di Conte, risponde ai cronisti. Diverso invece il discorso per Matteo Salvini che invece subisce la requisitoria in Aula dell’"Avvocato del popolo» contro di lui trattenendo a stento la rabbia e la delusione. In una diretta su Facebook, a metà pomeriggio, ammette di essere rimasto sorpreso e anche «dispiaciuto» dalle parole del Presidente.

«Ho scoperto che Conte non mi sopportava da mesi, da una vita...francamente mi è dispiaciuto scoprirlo oggi», frase di inusitata tenerezza, per chi, come il Capitano, ha fatto della forte contrapposizione verbale una cifra caratteristica del suo agire politico. Ma probabilmente anche sincere. Una reazione tanto forte da un professore di solito mite e misurato, non se la sarebbe mai aspettata. A questo punto, basta parlare con i leghisti, per capire il loro smarrimento. Sanno che ormai la partita non è più nelle loro mani: un pò come quelle squadre a cui non basta più vincere tutte le partite future, ma devono sperare in un passo falso delle rivali.

Da stasera in poi non potranno che assistere al lavoro di Mattarella, augurandosi che alla fine arrivino le tante desiderate elezioni anticipate. «Abbiamo smascherato il grande imbroglio: per questo - sintetizza Salvini su Facebook - confido che il presidente della Repubblica Mattarella, dall’alto della sua responsabilità, saggezza e obbiettività, valuti il momento in Parlamento e fuori dal Parlamento. Perché - conclude - un conto sono i giochini di palazzo, altro è ciò che serve all’Italia. L’Italia non ha bisogno di governetti per salvare le poltrone».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook