Martedì, 10 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
ITALIA VIVA

Renzi: "Accordo con M5S scelta difficile ma necessaria per mandare a casa Salvini"

governo, italia viva, movimento 5 stelle, Matteo Renzi, Matteo Salvini, Sicilia, Politica
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi

«Essere andato contro Salvini e averlo mandato a casa è stata per me una scelta difficile perché mi sono dovuto mangiare, anzi ingoiare, l'accordo con 5 Stelle. È stata una cosa di cui vado fiero». Così il leader di Iv, Matteo Renzi, in collegamento telefonico con i ragazzi della scuola di cultura politica 'Futura', organizzata a Terrasini (Palermo) dal senatore Davide Faraone.

«Sulla comunicazione social penso che Salvini mi abbia purtroppo battuto. Il problema di Salvini è che ha usato i social per aizzare l’odio andando anche oltre le sue intenzioni creando un clima da razzismo - dice Renzi -. Se da ministro dell’Interno esaspero la reazione per un certo tipo di reati commessi da stranieri e taccio per altri compiuti da un italiano sto creando in qualche misura quell'humus culturale su cui nasce e cresce il sentimento anti immigrati, di odio razziale.

«Non dico che lui sia razzista ma la comunicazione social che viene fatta rischia di creare un clima d’odio. E lo ha fatto durante il governo gialloverde. Salvini ha giocato tutta la partita su di sé ed è stata la sua abilità ma anche la sua fine - aggiunge -. Ha cancellato l’immagine del vecchio centrodestra e costruito quella di Salvini. Fino al di 10 agosto tutti i media a parlare di come era vestito, cosa mangiava. In questo è stato abile, capace di cambiare lo schema del centrodestra».

«Salvini è stato più capace di noi ma c'è un punto problematico: ha speso o no almeno una parte di quei 49 milioni delle Lega per finanziare la sua macchina del consenso su Facebook? Lo dica, io credo che lui abbia speso una parte di quei soldi per la 'bestia'. Gli ho anche detto che se non è vero di querelarmi, io sono disponibile anche a rinunciare alla mia immunità parlamentare, non scappo. Perché su quella bestia c'è ancora molto da sapere».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook