Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Nuovo Dpcm, l'attacco dei sindaci siciliani: non possiamo pagare noi
ANCI

Nuovo Dpcm, l'attacco dei sindaci siciliani: non possiamo pagare noi

di
anci, coronavirus, dpcm, sindaci, Cateno De Luca, Leoluca Orlando, Sicilia, Politica
Movida in centro a Messina

Non si sono mai trovati sullo stesso fronte. Leoluca Orlando e Cateno De Luca sono agli antipodi, come carattere, come collocazione politica, come visione strategica e anche nei metodi di gestione delle macchine amministrative a loro affidate. Ma su una cosa sembrano essere d'accordo: «Il Governo nazionale non può minimamente pensare di scaricare sui sindaci le sue responsabilità, dopo mesi durante i quali il ruolo delle Amministrazioni locali è stato a dir poco sottovalutato».

La dichiarazione non è a firma di De Luca, “nemico” giurato del Governo Conte (in particolare, della ministra dell'Interno Luciana Lamorgese), ma di Orlando, nella sua veste di presidente dell'Associazione nazionale Comuni per la Sicilia.

«Se il Governo valuta, come sembra che sia dal contenuto del Dpcm, che la situazione in Italia sia grave e stia ulteriormente peggiorando come in altri paesi d'Europa, si assuma le sue responsabilità come hanno fatto altri Governi europei. Se si valuta la necessità di una sorta di "lockdown notturno" che somiglia molto al coprifuoco, il Governo lo decreti e disponga chi, come e con quali forze deve effettuare i controlli. Basta con il gioco al massacro contro le amministrazioni locali».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook