Mercoledì, 25 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica "Santelli malata? Lo sapevano tutti. Calabresi responsabili della scelta": bufera su Morra
LA POLEMICA

"Santelli malata? Lo sapevano tutti. Calabresi responsabili della scelta": bufera su Morra

Jole Santelli, Nicola Morra, Sicilia, Politica
Nicola Morra

«Sarò politicamente scorretto, era noto a tutti che la presidente della Calabria, Santelli, fosse una grave malata oncologica. Umanamente ho sempre rispettato la defunta Jole Santelli, politicamente c'era un abisso. Se però ai calabresi questo è piaciuto, è la democrazia, ognuno dev'essere responsabile delle proprie scelte: hai sbagliato, nessuno ti deve aiutare, perché sei grande e grosso».

Questo parole, pronunciate ieri a 'Radio Capital' del presidente M5s della commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra, sulla governatrice forzista morta a metà ottobre, scatenano l’indignazione del centrodestra, che ne chiede subito le dimissioni. La necessità di un passo indietro di Morra non sembra venire contemplata tra le forze di maggioranza. Ma tutti i partiti Iv, Pd e persino M5s stigmatizzano le frasi di Morra e chiedono che si scusi.

«Morra dovrebbe chiedere scusa per quanto affermato. Quanto detto è inaccettabile», chiede il capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera, Davide Crippa. «Lo conosco e credo che, quelle pronunciate ieri, siano parole molto lontane dal suo modo di pensare. È errato unire logiche politiche a temi molto delicati come quelli della malattia oncologica», aggiunge.

«Le parole del senatore Morra sono indegne nei confronti dei calabresi e ingiuriose e volgari nei confronti della memoria di Iole Santelli. Bisogna combattere senza tregua l’ndrangheta, non offendere i calabresi con parole qualunquiste. Il senatore Morra avrebbe già dovuto scusarsi da molte ore», lamenta il deputato dem Emanuele Fiano, della presidenza del gruppo Pd alla Camera. Molto duri il presidente di Italia viva Ettore Rosato e il capogruppo al Senato Davide Faraone.

«Ho riascoltato le frasi pronunciate dal senatore Morra. Affermazioni inaccettabili, chieda scusa. Questi sono gli effetti di quando si perde umanità e senso del limite per un titolo in più sul giornale», afferma Rosato. «Il rispetto per chi non c'è più distingue gli uomini dalle bestie - aggiunge Faraone -. Le parole di Morra sulla compianta Jole Santelli sono semplicemente indegne. Solidarietà ai familiari e a tutto il popolo calabrese».

Dal centrodestra il coro di indignazione e la richiesta di dimissioni sono unanimi. «Le parole del presidente della commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra, su Jole Santelli sono indegne. E rappresentano un’offesa per tutti i malati oncologici», dice il vice presidente di Forza Italia Antonio Tajani. «Parole vomitevoli. Chiedo le immediate dimissioni di questo deficiente. Sbaglio?», gli fa eco anche Matteo Salvini.

«Un pensiero per la cara Jole Santelli». «La scelleratezza di Morra non meriterebbe commenti. Ma non può restare impunita una volgarità così bassa nei confronti del presidente Jole Santelli. Solo la stupidità è peggiore della morte, perché, la prima, dura una vita, mentre la seconda dura meno di un istante. Morra, alla perenne vergogna accompagni le dimissioni. Unico dovere», chiede il presidente facente funzioni della giunta regionale della Calabria, Nino Spirlì.

Ieri sera, il presidente della commissione Antimafia aveva respinto al mittente le critiche del centrodestra. «Salvini e altri esponenti del centrodestra chiedono le mie dimissioni facendo un truffaldino taglia e cuci di mie dichiarazioni, strumentalizzandole», si era difeso.

«Nel giorno in cui Domenico Tallini, di Forza Italia, viene arrestato per concorso esterno in associazione a delinquere di stampo mafioso, per un business che la 'ndrangheta ha fatto nell’ambito della sanità, infatti era stato messo nella lista degli impresentabili, guarda caso parte un attacco nei miei confronti, basato sul nulla», aveva aggiunto. «Ho parlato di dati di fatto. Se poi qualcuno vuole fare il taglia e cuci come fosse il vestito di Arlecchino - conclude l’esponente M5s - faccia pure, ma non è informazione, non è giornalismo, non è verità».

Dopo il polverone sollevato, Morra è nuovamente intervenuto sull'argomento: «Chiedo scusa alle persone che si
sono sentite offese o colpite da parole che sono state volutamente tagliate e cucite per far intendere ciò che il sottoscritto non ha mai pensato. Io mi batto per una sanità pubblica universale che intervenga per chi è più debole e chi è più debole è il malato. Io rifiuto qualunque accusa di insensibilità».

«Da parte mia c'è sempre stato il massimo rispetto per chi vive la condizione della malattia. Io ho semplicemente ricordato come l’elettorato debba essere pienamente responsabile delle proprie scelte - ha aggiunto - Perché ciò che avvenga è necessaria un’informazione totale».

Dalle parole di Morra però di dissocia il M5S: «Le affermazioni del senatore Nicola Morra sulla presidente Santelli, i cittadini calabresi e i malati oncologici non rispecchiano il pensiero del M5S, che ne prende le distanze. I cittadini chiamati al voto e ad esprimere la loro preferenza lo fanno sulla base della loro libera e insindacabile opinione. E proprio in virtù di questa libertà dovrebbero essere i partiti del centro destra a chiedere scusa ai cittadini calabresi per aver candidato e fatto eleggere personaggi come Tallini, oggi agli arresti», afferma il movimento in un nota.

«... ha ragione c'è un abisso tra lei e mia sorella. Jole era una persona educata, sensibile, con grande esperienza ma soprattutto preparata. Riusciva ad avere ottimi rapporti personali con tutti anche con i suoi colleghi con cui lavorava, certo da posizioni politiche diverse, ma sempre per il bene della Calabria e dei calabresi. Si vergogni come uomo e come politico di ciò che ha avuto il coraggio di dire». È quanto scrive in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook Roberta Santelli, sorella di Jole.

«E si dimetta per favore - aggiunge Roberta Santelli - e questo lo scrivo da italiana e calabrese, dall’importante ruolo politico che ricopre non per quello che ha detto su Jole ma perché lei è assolutamente inadeguato a ricoprire il ruolo che fu, tra gli altri, del Presidente Luciano Violante, ottimo amico di mia sorella della quale aveva grande stima».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook