Mercoledì, 16 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Sulle riforme non si scherza. Ci giochiamo davvero tutto
DAL FISCO ALLA GIUSTIZIA

Sulle riforme non si scherza. Ci giochiamo davvero tutto

di
Draghi e il Paese, Salvini e Meloni. E Letta

Forse ci siamo persi qualcosa. O se l’è persa Matteo Salvini, probabilmente indaffarato a recuperare qui e là i voti che, di sotto il naso, gli sta portando via – a destra – Giorgia Meloni, che già si sogna a Palazzo Chigi.
Noi e nove decimi degli italiani abbiamo creduto di capire che – caduto Conte, fatto fuori da Renzi – il Capo dello Stato abbia “chiamato” Mario Draghi per gestire, dall’alto delle sue riconosciute competenze, in piena era pandemica e con i fondi europei da ottenere e indirizzare, la ripartenza del Paese. Draghi scomodato e tirato dentro non per occuparsi di contagi e triage, di terapie intensive e vaccini, ma della materia sua. Draghi coinvolto perché, appunto, possa occuparsi di economia, dei soldini chiamati euro – col bel nome e cognome dell’ex presidente Bce stampigliato sulle banconote, poche, che ogni italiano ha nel portafogli –, di imprese, di Meridione (si spera), e di finanze e infrastrutture, che dovrebbero andare insieme. Tutto questo con l’appoggio di Bruxelles, la seconda casa dell’attuale premier, dov’è amato quasi più di santa Gudula, patrona del Belgio e della sua capitale. Certo, Draghi sta un po’ meno simpatico ai falchi tedeschi, per via di quel quantitative easing che ha giocato soprattutto in chiave italiana, cosa – se non ricordiamo male – sfuggita, dalle nostre parti, soltanto a Luigi Di Maio, poi convertitosi pur di non tornare alle urne, e riconfermato alla Farnesina. Ma tedeschi “cattivi” a parte, e la Merkel non è tra questi, è un fatto che il nostro presidente del Consiglio sia un’icona anche fuori delle mura nazionali.
Ebbene, i fondi del Recovery sono sub condicione: passano per l’evidenza delle riforme italiane, che verranno soppesate, radiografate, dissezionate dai vertici dell’eurogoverno. Il Piano di ripresa e resilienza dovrà apparire ben argomentato, credibile e di sicura efficacia. Conteranno idee, numeri, e conterà… il messaggero, chi ci mette la faccia, la propria storia, i propri successi. Internazionali, ça va sans dire. Sergio Mattarella ha capito tutto e, in un momento cruciale e insidiosissimo per la Repubblica, ha scelto a chi far tirare il calcio di rigore. Rigore, appunto: quel che serve agli italiani per ripartire.
Riforme: dal fisco alla pubblica amministrazione, dalla giustizia a nuove più snelle regole per chi fa impresa, eccetera eccetera.
E allora: ha senso affermare che non dev’esser questo, frase di Salvini, il governo delle riforme? Ha senso, pur d’andare al voto (#dopogliitaliani), mettere tutto a rischio?
È proprio questo governo, invece, che può realizzare – nei limiti dei rallentamenti cui lo obbligherà la cattiva politica – quella rivoluzione che gli italiani, tutti, attendono da anni. Perché il Paese si liberi di incrostazioni e ragnatele. Troppe.
Le sortite di Salvini, con mascherina tricolore, non bastano a proteggerlo dall’avanzata a destra della Meloni, non entrata – furbescamente – nel governo, e stanno sempre più irritando l’eminenza grigia della Lega, Giancarlo Giorgetti, adesso ministro dello Sviluppo, e Luca Zaia, governatore veneto, che in molti vorrebbero alla guida del Carroccio. La modificazione genetica “in senso nazionale” del partito di Bossi non sta funzionando come Salvini sperava, e la sua leadership vacilla. La nuova Lega, è nostra opinione, sposterà nei fatti la barra più al centro, con l’attenzione rivolta soprattutto al Nord.
Di questo – più che di Salvini, il quale comunque ha poi ribadito a Draghi, rammendando alla bell’e meglio, la sua granitica fedeltà – il Pd di Enrico Letta dovrebbe preoccuparsi. Il centrosinistra ha bisogno di contenuti riconoscibili, di rifondare un’identità in cui soprattutto il mondo del lavoro, il nuovo mondo del lavoro, possa riconoscersi. È necessario – giusto un “esempio”, restando in tema – riflettere, e presto, sulla flessibilità, ovvero sugli insindacabili pro che genera a breve termine e sui possibili contro nel lungo periodo, riflettere quindi sulla compressione dei salari ma pure sui costi sostenuti dalle imprese, analizzare vizi privati e pubbliche virtù delle élite economiche, e la loro – spesso cattiva – influenza sul mercato dei capitali. E ancora e ancora.
I contenuti, per quanto in quest’epoca si tenda a negarlo, sono valori. Quelli che innanzi alle cose ci fanno diversi.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook