Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Conte riscrive regole M5s e chiede a Luigi Di Mario e agli ex parte del Tfr
LO SCONTRO

Conte riscrive regole M5s e chiede a Luigi Di Mario e agli ex parte del Tfr

Il M5s conta di trattenere circa due terzi del Tfr, pari a circa trentamila euro, che spetta agli ex deputati e senatori non più iscritti al Movimento. Uno dei punti caldi del nuovo regolamento che Giuseppe Conte ed il vertice del patito stanno mettendo nero su bianco punta il dito (senza citarlo direttamente) verso Luigi Di Maio ed i parlamentari che scelsero di seguire l’ex ministro degli Esteri lasciando il Movimento. Una norma che rischia di fare molto rumore, ma che non preoccupa minimamente i diretti interessati: se sono regole nuove varranno da ora in avanti - è il ragionamento - e poi come recita la Costituzione, i parlamentari non hanno vincolo di mandato. Fonti vicine poi a Di Maio ci tengono a precisare che ad oggi l’ex ministro non ha ricevuto alcuna somma relativa al suo Tfr, e che quando gli verrà inviato deciderà le modalità con cui aiuterà la collettività. Da capire se alla fine si finirà in una contesa in tribunale come è già accaduto su altri fronti nella storia del Movimento.

Quel che è certo è che il leader M5s non sembra intenzionato a cambiare idea. Nella bozza del testo, quanto si parla del trattamento economico, si mira a fare una netta distinzione tra chi è rimasto iscritto al Movimento e chi no. In particolare sul Tfr si prevede che chi è ancora iscritto restituisca al partito il 20% della somma totale, che in media si aggira intorno ai quarantacinquemila euro lordi. Un caso che riguarderebbe esponenti che non sono stati eletti ma restano nel Movimento, come Roberto Fico e Paola Taverna. Chi invece non è più parte del M5s potrà - in base alle nuove regole - trattenere per sé al massimo 15mila euro (come avveniva anche nel regolamento del 2021). Il regolamento non prevede azioni di recupero per chi non salda perché, sottolineano fonti M5s, per quello è possibile rifarsi alle leggi vigenti. L’obiettivo più generale è comunque quello destinare i soldi che sono restituiti dai singoli parlamentari per fini sociali: ogni esponente M5s dovrà versare 2500, di cui una parte (500 euro) per onlus e progetti simili, gli altri 2000 euro andranno nelle casse del partito. Tra le novità del nuovo regolamento ci potrebbe essere l'ipotesi per chi ricopre degli incarichi (ad esempio i capigruppo delle commissioni, oppure i segretari d’aula) di ricevere un’indennità fino al 25% in più rispetto a quella base.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook