Lunedì, 29 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Sanremo

Home Società Sanremo Sanremo 2021: a Wrongonyou il Premio della Critica "Mia Martini"
FESTIVAL

Sanremo 2021: a Wrongonyou il Premio della Critica "Mia Martini"

Wrongonyou con la canzone «Lezioni di volo» ha vinto il Premio della Critica "Mia Martini" assegnato dalla sala stampa del Festival di Sanremo ai cantanti in gara tra le Nuove Proposte.

Chi è Wrongonyou

La vita ha dato diverse occasioni al giovane Marco Zitelli (nato a Grottaferrata – Roma – nel 1990), ma c’era un appuntamento con la musica che lo attendeva. A 9 anni si fa notare come piccolo prodigio del calcio. Viene chiamato Bruno Conti a vederlo, ma quel giorno Marco cade, si rompe una caviglia e si presenta al provino con le stampelle. A 15 anni entra in una squadra di basket, ma in ritiro estivo si rompe un ginocchio. Messo da parte lo sport, scopre la musica da autodidatta, diventa un virtuoso della chitarra, si accompagna col pianoforte, compone canzoni e trova la sua voce, ma non sente di volersi esibire in pubblico, la sua timidezza lo blocca. Una sera a un festival musicale indipendente salta una performance e resta un buco in scaletta. Marco ha 21 anni e nessuna esperienza, ma si butta e si offre all’organizzatore per suonare qualche cover. Sale su quel palco, raccoglie il suo primo applauso e trova la sua strada.

Nasce Wrongonyou

Wrongonyou è una miscela di ispirazioni e influenze, con lo sguardo e l’orecchio inizialmente rivolti oltreoceano e sucessivamente aperti verso il grande cantautorato italiano. Sin da piccolo ascolta e si innamora del folk e di tutta la discografia di artisti come John Frusciante e i Bon Iver di Justin Vernon. La sua musica prende ispirazione dai suoi miti, creando un suono dotato di una forte componente emotiva ed immaginifica, che con la sua voce di grande estensione e forza evocativa è capace di toccare le corde più profonde dell’animo di chi lo ascolta.

 “KILLER” è uno dei brani più identificativi di Wrongonyou, e conta tre milioni e mezzo di stream sulle piattaforme digitali. E’ inserita nella colonna sonora della serie di successo di Netflix “Baby”e in quella del  docu-film su Paolo Villaggio “La voce di Fantozzi”, nonché come musica per un esibizione di Virginia Raffaele durante il suo show su Rai 2 “Facciamo che io ero”. Altri brani di sucesso cinematrografico e televisivo, oltre che di streaming, sono “RODEO” (tra le tracce portanti del film “Sempre meglio che lavorare”, del fenomeno web The Pills) e “THE LAKE” (Top Viral 50 di Spotify italia e sincronizzato con altri brani di Wrongonyou in alcuni episodi della serie “Terrace House: Aloha Estate” prodotta da Netflix Japan). “SHOULDERS” è il brano portante  del film “Il Premio” di Alessandro Gassman. L’attore e regista romano ha affidato a Wrongonyou l’intera colonna sonora del film, realizzata insieme a Maurizio Filardo. Da menzionare anche il brano “Proof”, interpretato dall’attrice Matilda De Angelis e candidato ai Nastri D’argento nel 2018. Gassman ha anche coinvolto Wrongonyou in qualità di attore, inserendolo nel cast al fianco di Gassman stesso, Gigi Proietti e Rocco Papaleo.

“FAMILY OF THE YEAR” è il brano che Real Time ha scelto come colonna sonora del Pride Month a giugno 2018. Il video del brano è stato trasmesso in anteprima sul canale Discovery e ha dato seguito a una campagna social a favore della famiglia e dell’amore universale. I brani citati sono contenuti all’interno del primo album di Wrongonyou, “REBIRTH”, pubblicato nel 2018, interamente scritto e composto da Marco stesso e prodotto in gran parte da Michele Canova (Tiziano Ferro, Jovanotti, Giorgia). Il disco incarna perfettamente lo spirito dell’artista e la direzione della sua musica: un eclettico mix di folk ed elettronica, con un sound internazionale e contemporaneo. Il suo immaginario si riferisce all’amore per l’ambiente, gli spazi aperti e lontani dal caos e presenta l’artista in una simbolica identificazione con la figura dell’orso come animale dei boschi, libero, grande e forte, ma solitario. Wrongonyou invece cerca sempre l’incontro con gli altri. Nel 2019 dunque l’orso scende in città: Wrongonyou si trasferisce a Milano, scopre e sperimenta musicalmente con la lingua madre, senza snaturare la sua identità artistica, facendo incontrare in questo modo lo stile e le sonorità americane e nord europee con la musica italiana. Wrongonyou scopre e riscopre Battisti, Mango, Dalla, Fabi; con il  cambio di paesaggi e di energie, compone e lavora in studio con Zibba, Raina, Dardust, Katoo, Cogliati e Filippelli e ne nasce un nuovo album.

“MILANO PARLA PIANO” è la title track dell’album, una delle prime tracce composte, nata dal desiderio di mettersi metaforicamente a nudo davanti allo specchio e davanti al pubblico. Ne è nata una intensa canzone di amore e preghiera di accoglienza per la grande città.

“MI SBAGLIO DA UN PO’” è il singolo di punta: al perfetto incrocio tra cantautorato indie e melodie soul e folk americano, il brano ha portato Wrongonyou al suo primo grosso riscontro radiofonico. Nel 2020 tra sessioni di scrittura, lockdown e nuove ispirazioni, nascono le collaborazioni con Coma_Cose (la cover di “RAZZI ARPIA INFERNO E FIAMME” dei Verdena nata da una sessione per Rockit ) e con i Legno (“HOLLYWOOD”, in cima alla playlist Indie Italia di Spotify). Nel 2021 arriva un altro bel traguardo: la partecipazione nella sezione “Nuove Proposte” al 71° Festival di Sanremo con il brano “Lezioni di volo”.

L’attività live di Wrongonyou è intensa - oltre 300 concerti all’attivo in tutta Italia - e la sua internazionalità gli ha permesso di calcare i palchi dei più prestigiosi festival europei e americani come l’Europa Vox in Francia, l’Eurosonic Noorderslag in Olanda, il Primavera Sound di Barcellona e il South by Southwest festival ad Austin in Texas (USA).

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook