Giovedì, 13 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Gli scienziati insistono: aprite le finestre per proteggervi dal Covid
CORONAVIRUS

Gli scienziati insistono: aprite le finestre per proteggervi dal Covid

Aprire le finestre e far circolare l’aria all’interno degli spazi chiusi è più importante che disinfettare le superfici per prevenire la diffusione del Covid-19. Arriva un altro studio sui meccanismi e sul ruolo di trasmissione in aria del Covid-19, secondo cui è più probabile che il virus si diffonda attraverso l’inalazione a distanza ravvicinata piuttosto che con il contatto con superfici o a lungo raggio. Quest’ultima ricerca è stata pubblicata sulla rivista medica "Bmj" e gli autori lamentano che nonostante vi siano prove crescenti dell’alta trasmissibilità del virus negli ambienti chiusi, la necessità di arieggiare i locali sia «solo un accenno superficiale in alcune linee guida per il controllo delle infezioni».

«Le persone hanno molte più probabilità di essere infettate in una stanza con finestre che non possono essere aperte o priva di qualsiasi sistema di ventilazione», scrivono gli autori, tra cui Julian Tang dell’Università di Leicester e Linsey Marr della Virginia Tech, affermando che parte del problema è stata la mancanza di chiarezza nella definizione di termini come «droplet» ("gocciolina") e «airborne» (ovvero tramite aerosol, particelle sotto il micron di grandezza e quindi molto più piccole dei classici droplet. ndr.) quando si descrive la trasmissione. «In sostanza, se puoi inalare particelle, indipendentemente dalla loro dimensione o nome, stai respirando aerosol», hanno spiegato.

«Questo può accadere a lungo raggio, è più probabile quando si è vicini a qualcuno, poichè gli aerosol tra due persone sono molto più concentrati a breve distanza, piuttosto come essere vicini a qualcuno che sta fumando». All’inizio della pandemia, le autorità sanitarie, compresa l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), scartarono la possibilità che semplicemente respirando potesse inviare micro-goccioline infettive nell’aria. Ma hanno fatto un’inversione di marcia, mentre gli esperti accumulavano pressioni e raccoglievano più prove.

Lo studio di Bmj afferma che precauzioni come indossare mascherine, mantenere le distanze e ridurre l’affollamento negli spazi interni aiuterebbero a frenare la diffusione virale, sia che si tratti di particelle inalate o di contatto diretto con le superfici. Ma ha sottolineato che una differenza cruciale è «la necessità di enfatizzare ulteriormente la ventilazione perchè le più piccole particelle sospese possono rimanere nell’aria per ore e queste costituiscono un’importante via di trasmissione».
A marzo, l’Oms ha pubblicato un documento di orientamento che incoraggia una migliore ventilazione negli edifici. E afferma che mentre rimangono «lacune nella conoscenza», la trasmissione del virus che causa il Covid-19 è particolarmente forte in spazi interni affollati e ristretti, dove c'è scarsa o nessuna ventilazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook