Martedì, 25 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Moustafa, tra i naufraghi sbarcati a Messina: "In fuga da Damasco affinché i miei figli vadano a scuola"
MIGRANTI

Moustafa, tra i naufraghi sbarcati a Messina: "In fuga da Damasco affinché i miei figli vadano a scuola"

 Moustafa ha affrontato il mare e la tragedia perché i suoi figli potessero avere una vita migliore e andare a scuola. «Temevo di non farcela e ho scritto sul braccio di Ali il nome di sua madre». Il papà siriano parla al team di Medici senza frontiere dopo lo sbarco dalla Geo Barents avvenuto giorni fa, raccontando la drammatica traversata a cui lui e i suoi tre figli sono sopravvissuti grazie alla "Geo Barents". Era il 16 novembre: la nave di ricerca e soccorso di Msf aveva risposto a una richiesta di aiuto di una piccola imbarcazione in pericolo nel Mediterraneo centrale. Un salvataggio drammatico: sono state recuperate 99 persone; altre 10 sono morte per asfissia a causa delle esalazioni da carburante. Sbarcheranno tutti a Messina tre giorni dopo.

Alcuni giorni dopo il salvataggio, Candida Lobes, responsabile delle comunicazioni di Geo Barent, ha parlato con Moustafa. L’uomo parla di Alì, 7 anni, che si precipita a tenere la sua mano non appena i soccorritori lo aiutano a scendere dalla scialuppa di salvataggio e sul ponte del Geo Barents. Moustafa zoppica. Ali lo aiuta a stare in piedi e lo tiene stretto. Alcune parole era state scritte a penna in arabo sul braccio destro del piccolo. «Temevo di morire, così ho scritto sul braccio di Alì il nome di sua madre e del suo contatto», spiega, «lei è in Siria. Speravo che se mi fosse successo qualcosa, qualcuno avrebbe potuto prendersi cura di mio figlio e avrebbe potuto informarla».

La fuga da Damasco, assediata per quattro anni durante il conflitto in Siria

Moustafa viene da Babbila, un sobborgo meridionale di Damasco che è stato assediato per quattro anni durante il conflitto in Siria, iniziato nel 2011. Quando l’assedio è stato revocato nel 2015, ha deciso di fuggire dalla guerra con i suoi tre figli. Alì aveva solo un anno a quel tempo. Da allora il loro viaggio è stato lungo e difficile: la famiglia ha trascorso quasi un mese in Sudan e poi si è trasferita in Egitto, dove le loro condizioni di vita erano dure. Nel settembre 2021, senza lavoro e con passaporti scaduti, Moustafa ha preso la difficile decisione di andare in Libia e tentare di attraversare il Mediterraneo. Sperava di dare ai suoi figli almeno una possibilità di frequentare la scuola. La famiglia ha attraversato il confine dall’Egitto alla Libia; attraversarono Bengasi e Tripoli, poi Sabratah e Zuwara.
Riporta la giornalista di Msf: «Moustafa mi ha raccontato che sono partiti dalla Libia il giorno prima. La barca aveva a bordo 109 persone, tra cui Moustafa e i suoi figli. Quando 'Geo Barent' ha raggiunto la barca in pericolo nel primo pomeriggio, le equipe di Msf hanno soccorso 99 persone. Hanno trovato i corpi di 10 persone sul ponte inferiore». Alla partenza si era subito accorto che la barca era troppo piccola: «Volevo scendere, ma il trafficante mi ha urlato di fermarmi e ha minacciato di uccidere me e i miei figli con la sua pistola. Non avevamo scelta». La gente era nel panico: «Avevamo a bordo donne e bambini erano tutti spaventati e piangevano; molti singhiozzavano, urlavano e si agitavano sulla barca per la disperazione».

Violenza, privazione e la paura disperata per la loro vita e per i loro cari

I sopravvissuti hanno detto che queste persone avevano trascorso più di 13 ore sull'angusto ponte inferiore. Alcune non si erano rese conto di cosa stesse succedendo ai loro amici o familiari sul ponte inferiore; altri hanno dovuto viaggiare per ore accanto ai corpi dei loro compagni di viaggio.
«Molte delle persone salvate quel giorno - sottolinea Candida Lobes - sono sopravvissute a una serie di eventi traumatici durante i loro viaggi e la loro esperienza sulla barca è solo l’ultima. Qualunque siano le ragioni che li hanno spinti a lasciare il loro luogo di origine, e ogni volta che se ne vanno, c'è sempre un elemento comune nei loro racconti: l’esperienza di violenza, privazione e la paura disperata per la loro vita e per i loro cari».

Moustafa: voglio solo una buona vita per i miei figli

«Non ho più desideri per la mia vita; Voglio solo una buona vita per i miei figli, voglio che siano al sicuro e voglio che abbiano finalmente una buona istruzione», dice Moustafa. Ha un fissatore interno in metallo sulla gamba destra che lo fa zoppicare. Dice di soffrire dal 2011, quando la sua gamba è stata gravemente ferita in Siria e i medici hanno dovuto attaccare il fissatore: «Uomini armati sono venuti a prendermi mentre ero nel mio negozio. Hanno chiuso a chiave la porta, mi hanno ripetutamente picchiato con il calcio dei loro fucili, e con qualunque cosa trovassero. Ho perso conoscenza, pensavano che fossi morto. Poche ore dopo, mi sono svegliato in una strada deserta, dietro alcuni edifici abbandonati, con una gamba rotta e coperto del mio stesso sangue».
Ora la speranza di una vita migliore e di una scuola per i suoi figli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook