Mercoledì, 10 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Sci, Shiffrin ancora d'oro ai Mondiali di Aare: è il quarto di fila nello slalom
SVEZIA

Sci, Shiffrin ancora d'oro ai Mondiali di Aare: è il quarto di fila nello slalom

mondiali aare, sci, slalom, Mikaela Shiffrin, Sicilia, Sport
Mikaela Shiffrin

È ancora d’oro lo slalom speciale della statunitense Mikaela Shiffrin, ai Mondiali di Aare. Per la campionessa Usa, a soli a 23 anni, è il quarto titolo mondiale consecutivo in questa disciplina: mai nessuna c'era riuscito prima. Argento alla svedese Anna Swenn Larsson e prima medaglia ad Aare per il suo Paese; bronzo alla ceca Petra Vlhova che conquista così la sua terza medaglia in questi Mondiali.

Con l’oro in speciale e superg, l’argento in gigante, Shiffrin è l’atleta più vincente ad Aare 2019. Il suo palmares diventa così imponente: 56 vittorie, cinque titoli mondiali e due ori olimpici, una Coppa del mondo e un’altra in arrivo. Per una Lindsey che se n'è andata e dunque ormai già più che pronta una nuova campionessa statunitense destinata a frantumare tutti i record dello sci, visti i suoi freschi 23 anni e la sua inesorabile tabella di marcia sul gradino più alto del podio.

«Oggi ho attaccato come avevano fatto finora e in più in condizioni difficili», ha detto l’americana, che era rimasta
visibilmente scottata nel gigante, quasi umiliata dalla ceca Vlhova, riuscita incredibilmente a batterla. La vendetta di Mikaela - una vera macchina da guerra che lascia niente al caso - è arrivata prestissimo, servita bel calda a sole 48 ore dal gigante.

Con una seconda manche superlativa, che appariva impossibile - visto quanto di eccellente fatto da Vlhova e Swenn Larsson - Mikaela è stata inesorabile nella sua perfezione e l'oro è diventato certezza con l’errore subito dopo il via della svizzera Wendy Holdener, che era al comando dopo la prima manche. Il tutto su un tracciato quasi pianeggiante, ma molto lungo, e con fondo decisamente morbido.

Su questa pista si sono invece perse ancora una volta le azzurre. Italia a picco, come da previsioni in una disciplina nella quale da troppi anni non rende. L’unica azzurra in classifica è la veterana trentina Chiara Costazza, solo 20/a. Irene Curtoni era uscita già nella prima manche, mentre la giovane Lara Della Mea - quella sulla quale costruire il nuovo slalomismo italiano al femminile - è uscita nella seconda.

Domani i Mondiali ad Aare si chiuderanno con lo slalom maschile. Ma anche con l’ennesimo duello annunciato fra l'austriaco Marcel Hirscher e il norvegese Henrik Kristoffersen, con il giovane francese Clement Noel che può fare da terzo incomodo. Per l’Austria, superpotenza dello sci, sarà l’ultima occasione per vincere un oro a questi Mondiali. Per trovare una rassegna iridata senza oro per l’Austria bisogna andare indietro di ben 32 anni: un ricordo da incubo per Hirscher e compagni.

L’Italia domani ha invece chance modeste, visti i risultati stagionali. Manderà in pista i veterani Manfred Moelgg, Stefano Gross e Giuliano Razzoli, con la giovane promessa Alex Vinatzer. Moelgg ad Aare 2007 fu però d’argento e tutto il quartetto azzurro ha un gran talento.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook