Venerdì, 30 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Foto Archivio Catania, sit in di VV.FF davanti alla prefettura: "I nostri problemi possono ripercuotersi sulla sicurezza dei cittadini"

Catania, sit in di VV.FF davanti alla prefettura: "I nostri problemi possono ripercuotersi sulla sicurezza dei cittadini"

Sit-in di fronte alla prefettura di Catania da parte di alcuni vigili del fuoco aderenti alla Usb  Sicilia. Chiedono  un incontro   per esternare le   preoccupazioni per la sicurezza dei cittadini di Catania e, a cascata, per i cittadini di tutta l'isola e per i lavoratori del Corpo Nazionale che in Sicilia prestano servizio. "Riteniamo, scrivono in una nota, l' intervento del prefetto prezioso e indispensabile per sollecitare nel Dipartimento dei vigili del Fuoco una possibile soluzione".

I motivi del sit in

Le motivazioni più gravi che ricadono sul personale VV.F. e che possono mettere in serio pericolo un dispositivo di soccorso sempre più logorato dai carichi di lavoro sono:

•Carenza personale del 30% in tutta la regione a vario titolo
•Ritardo nei pagamenti delle convenzioni CAS e passaggio delle stesse ai privati
•Ritardo pagamenti buoni pasto
•Nucleo sommozzatori di Catania sottodimensionato di 14 unità
• Blocco passaggi di qualifica, del personale specialista
• Mancate assunzioni e smaltimento della procedura speciale e concorso pubblico 250 posti.

Numero insufficiente dei presidi permanenti dei vigili del fuoco che non possono coprire in tempi congrui il territorio siciliano
Necessità di riqualificare molte sedi sul territorio in modo da fornire uomini e mezzi in numero congruo alle necessità del servizio ordinario e straordinario sul territorio dell'isola: un'emergenza oggi avrebbe un intervento immediato limitato e insufficiente dovendo attendere eventuali mezzi e uomini dalla penisola.
Ripristino dell'accordo sulle circolare leggi speciali che, di fatto ha bloccato i colleghi aventi diritto al rientro nella propria regione (questo punto portato al prefetto rischia di diventare negativo: quell'accordo è inattuabile nella pubblica amministrazione e il prefetto lo sa. Potrebbe leggerlo come una richiesta illecita giacché il diritto a rientrare nella propria regione non esiste nella pubblica amministrazione. Una cosa del tipo in chiusura: tutti questi elementi ci portano a riflettere sul fatto che un cospicuo aumento del personale in servizio sull'isola potrebbe tamponare molti degli elementi che rendono fragile il nostro territorio. Sottolineiamo che molti figli di questa terra prestano con onore servizio fuori dalla regione ed oggi non hanno speranza di rientrare)

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook