Sabato, 28 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Tragedia di Licata, Tardino ha tentato il suicidio mentre era al telefono coi carabinieri. Morto in ospedale

Tragedia di Licata, Tardino ha tentato il suicidio mentre era al telefono coi carabinieri. Morto in ospedale

Si è sparato mentre era al telefono coi carabinieri. Angelo Tardino, l’uomo di 48 anni che ha sterminato la famiglia a Licata uccidendo il fratello, la cognata e due nipotini di 15 e 11 anni, dopo la strage ha tentato il suicidio mentre era al telefono con i militari.

Tardino, che è rimasto agonizzante, è stato intubato e trasferito in elisoccorso all’ospedale Sant'Elia di Caltanissetta dove è deceduto qualche ora dopo l'accaduto. Le sue condizioni sono gravissime: "è in "coma irreversibile, piantonato da carabinieri", aveva dichiarato il procuratore Luigi Patronaggio.

L’assassino è stato rintracciato dagli investigatori, che erano ormai sulle sue tracce e che hanno cercato di convincerlo a costituirsi. Quando l’uomo sembrava ormai incline ad arrendersi e raggiungere la caserma, i militari hanno sentito al telefono uno sparo e hanno capito che il fuggitivo aveva scelto di togliersi la vita.

I nomi delle vittime

Le vittime della strage avvenuta questa mattina a Licata dopo una lite familiare sono Diego Tardino, un possidente agricolo di 45 anni, la moglie Alessandra Ballacchino, e i figli di 11 e 15 anni. A ucciderli è stato il fratello di Diego Tardino, Angelo, 48 anni, per vecchi rancori familiari legati a motivi di interesse su alcuni terreni dove vengono coltivati ortaggi in serra. L’uomo è fuggito subito dopo l'eccidio e mentre era al telefono con i carabinieri, che tentavano di convincerlo a costituirsi, si è sparato un colpo di pistola alla testa per strada, in via Mauro De Mauro. E’ stato trasporto in coma all’ospedale Sant'Elia di Caltanissetta a bordo di un elicottero; le sue condizioni sono definite
disperate dai sanitari.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook