Venerdì, 01 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca La morte del piccolo Tommaso, la donna: "Avevo messo la marcia, il freno a mano non so"

La morte del piccolo Tommaso, la donna: "Avevo messo la marcia, il freno a mano non so"

«Le mie figlie hanno visto le drammatiche scene e sono sotto shock: siamo distrutti e addolorati, chiediamo e chiederemo ancora scusa alla famiglia del povero Tommaso e dei bambini feriti». E’ il drammatico racconto all’ANSA della mamma indagata per omicidio stradale per il tragico incidente di ieri pomeriggio all’Aquila nella scuola dell’infanzia di Pile, dove è morto il piccolo Tommaso e sono rimasti feriti altri cinque bimbi. «Ho parcheggiato la macchina in pianura, ho inserito la marcia, non mi ricordo di aver inserito il freno a mano», ha poi proseguito la donna madre di tre figli di cui due iscritte alla scuola d’infanzia Primo Maggio. La donna verrà ascoltata nei prossimi giorni dal sostituto procuratore Stefano Gallo. Domani intanto in Procura è previsto l'affidamento dell’incarico sulla perizia tecnica sull'auto all’esperto Cristiano Ruggeri, e sempre in mattinata è in programma una riunione alla presenza dell’anatomopatologo Giuseppe Calvisi per verificare l’eventualità chiesta da investigatori ed inquirenti di evitare la autopsia sul corpo di Tommaso effettuando una ricognizione cadaverica.

La donna vive all’Aquila con i tre figli, ed è una 38enne: B.R.Z. alla guida Passat è indagata per omicidio stradale. E’ di origini bulgare e fa parte di una famiglia che da anni vive e lavora all’Aquila dove è perfettamente integrata e stimata. La donna non si dà pace per quanto accaduto, così come i suoi familiari: lei è casalinga, il marito operaio.

La Passat è di proprietà di un giovane parente. Sarà ascoltata a breve dalla Procura della Repubblica con l’ipotesi di reato di omicidio stradale per il quale è previsto l’arresto nella immediatezza. Secondo quanto si è appreso, il pm Stefano Gallo non ha fatto richiesta perché si attendono riscontri tecnici per chiarire dinamica e cause. Ma da come si stanno muovendo inquirenti ed investigatori la misura potrebbe non scattare.    

Parla l'avvocato

«Tutta la famiglia, non solo la signora, è a dir poco addolorata, sconvolta. Marito e moglie non riescono a darsi pace. I tre bambini sono sotto shock. E’ una tragedia nella tragedia. E’ una colpa ma anche circostanze sfortunate e fortuite per una donna che ogni giorno faceva questi movimenti». Così l’avvocato Francesco Valentini, del foro dell’Aquila, difensore della 38enne mamma indagata per omicidio stradale per il tragico incidente di ieri pomeriggio all’Aquila nella scuola dell’infanzia di Pile. «È una famiglia visibilmente provata, la signora non sa come comportarsi, non sa quale sia la corsa giusta da fare: chiede scusa e lo farà formalmente quando ci sarà la possibilità e qualora le altre famiglie lo volessero», spiega ancora l'avvocato che in relazione alla inchiesta della Procura della repubblica dell’Aquila sottolinea che: «Ci difenderemo dalla accusa di omicidio stradale».

«Aspettiamo le risultanze tecniche dei vari esami prima di fare una analisi - continua il legale -. Bisogna riflettere sul fatto che la macchina si sia spostata dopo alcuni minuti e che abbia finito la sua corsa rompendo la recinzione che non era ancorata al muretto ma a terra». La donna sarà sentita nei prossimi giorni. Il figlio 12enne è stato sentito nella notte alla presenza di una psicologa «ma in evidente stato di shock ricorda poco o niente», spiega ancora Valentini.

 

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook