Giovedì, 01 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Vanessa Bryant e le figlie a Taormina e alle Eolie. E a Reggio per rivedere i posti di Kobe

Vanessa Bryant e le figlie a Taormina e alle Eolie. E a Reggio per rivedere i posti di Kobe

di

Stregata dalle 7 "sorelle" eoliane anche Vanessa Bryant, moglie del compianto Kobe, in vacanza con le figlie tra Reggio Calabria, Taormina e le Isole Eolie. E Bryant è vivo nei ricordi di chi lo ha amato. Non solo nel mondo della palla a spicchi, attraverso i video di quelle giocate spettacolari e di quei canestri magici che l'hanno consacrato il numero 1 al mondo e degno erede della leggenda Michael Jordan, ma anche nella quotidianità. E così, la moglie Vanessa ha deciso di portare le 3 figlie, Natalia Diamante (classe 2003), Bianka Bella (2016) e Capri Kobe (2019) in Italia. Dopo aver visitato, il mese scorso, la casa d'infanzia del padre, a Philadelphia, le 3 sorelle Bryant e mamma Vanessa, pochi giorni fa, sono "sbarcate" in Italia, con uno yacht di lusso, per scoprire la "seconda casa" di Kobe. Tappe a Caltagirone, Noto, Taormina e Panarea. E infine, Reggio Calabria, un luogo speciale per Kobe, che ci ha vissuto un anno, tra il 1986 e il 1987. Poi Taormina e Panarea, la "Perla delle Eolie". Tutto documentato sui social di Vanessa, dove si vedono le figlie in posa e i panorami eoliani mozzafiato. Oggi, le figlie di Kobe hanno avuto modo di conoscere i luoghi che il padre tanto amava. E ricordare, così, il loro campione.

A Reggio una visita "speciale"

"Ho visitato Reggio Calabria, una città in cui visse mio marito quando aveva circa 8 anni", ha scritto la modella a corredo di un carosello di immagini. Nell’album si alternano alcuni teneri scatti delle figlie più piccole a spasso per la città, ad alcune vedute di Reggio Calabria. Kobe Bryant ha trascorso infatti gran parte della sua infanzia in Italia, dove suo padre si trasferì con la famiglia dopo essersi ritirato dalla NBA. Joe Bryant, di professione cestista militò infatti in varie squadre nazionali, fu così che il piccolo Kobe visse in Italia dai 6 fino ai 13 anni, spostandosi in varie città, tra cui Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook