Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca “La regina Elisabetta sta male”: l'allarme lanciato dai medici del Regno Unito. Tutti i reali al capezzale

“La regina Elisabetta sta male”: l'allarme lanciato dai medici del Regno Unito. Tutti i reali al capezzale

I medici della regina Elisabetta II si dicono «preoccupati» per lo stato di salute della sovrana. Lo riferisce il Palazzo reale. E' stata posta sotto controllo medico, nel castello di Balmoral dove sta trascorrendo l’estate.

Ieri la regina Elisabetta II ha rinviato la riunione del Privy Council dopo il consiglio dei medici di riposare. Lo ha annunciato un portavoce di Buckingham Palace. «Sua Maestà questo pomeriggio ha accettato il consiglio dei medici di riposare», ha fatto sapere il portavoce come riportano i media britannici, «questo significa che la riunione del Privy Council sarà riprogrammata».

E’ allarme nel Regno Unito per l'aggravamento delle condizioni della 96enne regina Elisabetta ed è stata anche allertata la famiglia: Il principe Carlo insieme alla moglie Camilla è a Balmoral, in Scozia, al fianco della madre, e anche il principe William li sta raggiungendo nella residenza scozzese. La duchessa di Cambridge, Kate Middleton, non è in viaggio verso la residenza reale, ma è rimasta a Windsor con i tre bambini - i principi George, Charlotte e Louis - che oggi hanno cominciato il nuovo anno scolastico. Lo fa sapere Kensington Palace.

Anche il duca di Sussex, Harry (senza Meghan), è in viaggio per raggiungere la residenza scozzese di Balmoral. Il nipote 'ribellè e la sua consorte, trasferitisi negli Usa dopo la strappo dalla famiglia reale di circa tre anni fa, erano tornati in questi giorni nel Regno nell’ambito di un viaggio europeo con tappe previste anche in Germania e in Svizzera per una serie di impegni pubblici caritativi. Fino a oggi non si prevedeva un loro incontro con la sovrana.

La sovrana, mostratasi in pubblico in piedi ma fragile due giorni fa nella residenza scozzese di Balmoral per il passaggio di consegne alla testa del governo britannico fra Boris Johnson e Liz Truss, premier numero 15 dei suoi 70 anni di regno, era stata già costretta ieri a rinunciare a una riunione virtuale. «In seguito a una nuova valutazione del suo stato questa mattina, i dottori della Regina hanno espresso preoccupazione e raccomandato che ella rimanga sotto sorveglianza medica», si legge nella nota di palazzo.

Il primo ministro Truss: "Paese preoccupato"

L’intero Regno Unito è «profondamente preoccupato» dalle notizie sulla salute della Regina. Lo ha scritto su Twitter la neo premier, Liz Truss. «I miei pensieri e quelli delle persone in tutto il Regno Unito sono con Sua Maestà la Regina e la sua famiglia in questo momento», ha aggiunto Truss.

Interrotto il cambio della guardia a Buckingham Palace

Dopo le notizie sullo stato di salute della regina Elisabetta II, a Buckingham Palace è stata interrotta la consueta cerimonia del cambio della guardia. Lo indica un cartello davanti al palazzo reale a Londra che recita: «Niente cambio della guardia oggi», come testimonia un’immagine diffusa dai media britannici.

Il protocollo Operation Unicorn

Il castello di Balmoral, la tenuta nell’Aberdeenshire dove attualmente risiede la regina, ha sempre avuto un posto speciale nel cuore di Sua Maestà e se dovesse morire in Scozia, c'è un piano specifico, noto come Operation Unicorn, rivelata nel 2017, per indicare il protocollo. Esiste un protocollo ben definito per i 10 giorni di lutto nazionale che seguiranno la morte dell’anziana monarca, Operation London Bridge.
Ma secondo la stampa scozzese, sono stati messi in campo piani anche nel caso in cui la regina muoia mentre si trova a Balmoral in Scozia, la sua residenza estiva, come in questo momento.
Secondo i dettagli emersi nel 2019, mai confermati ufficialmente, la salma sarà esposta all’Holyrood Palace e poi alla Cattedrale di St Giles. Di lì la bara della regina sarà caricata sul treno reale alla stazione di Waverley e quindi riportata a Londra.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook