Mercoledì, 01 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Sequestro di 3,5 mln di euro a Irene Pivetti. La Cassazione: "Inesistenti le sue società"

Sequestro di 3,5 mln di euro a Irene Pivetti. La Cassazione: "Inesistenti le sue società"

Con «motivazione congrua e priva di criticità» è stato disposto il sequestro di 3,5 mln di euro nei confronti di Irene Pivetti nell’'inchiesta della Procura di Milano che la vede indagata per evasione fiscale e autoriciclaggio insieme ad altre 5 persone, per circa 8mln di euro di ricavi sottratti al fisco. Lo scrive la Cassazione, nelle motivazioni del verdetto di conferma del sequestro, rilevando che Pivetti ha realizzato «fittizia interposizione quale acquirente della Only Italia di Hong Khong» un network societario «di assoluta inconsistenza», «di inesistenza giuridica e economica», sprovvisto di conto corrente e di personale. Ad avviso degli "ermellini", il Tribunale del riesame, in modo corretto - dopo che il 29 novembre 2021 il gip non aveva convalidato il sequestro - ha spiegato che il sistema di "scatole vuote" facente capo alla Pivetti, ha usato uno schermo di contratti «parzialmente o totalmente simulati, sinergicamente finalizzati al trasferimento di alcuni beni della scuderia Isolani (e principalmente della licenza d’uso del marchio Ferrari) al gruppo cinese Daohe».

Ma dalle «risultanze investigative» si è appurato che l’ex pilota di rally Leonardo Isolani «ha sempre mantenuto la disponibilità dei beni» venduti con atto del tre aprile 2016 ad eccezione del logo "Isolani Racing Team with Ferrari" la cui cessione, invece, "in base alle clausole di licenza, non poteva avvenire disgiuntamente dai beni della scuderia che i coniugi Isolani-Mascoli avevano interesse a cedere formalmente per sottrarsi alle azioni esecutive dell’Erario». «Dai convergenti interessi della Pivetti e degli Isolani - prosegue il verdetto 40861 della Seconda sezione penale depositato il 27 ottobre, udienza del 20 settembre - sono scaturite le compravendite del tre aprile 2016, simulate soggettivamente, attesa la fittizia interposizione quale acquirente della Only Italia di Hong Kong, e oggettivamente stante la simulazione parziale quanto al compendio ceduto, risultando in concreto» venduto "esclusivamente il logo della scuderia abbinato al logo Ferrari». Per la Cassazione, l’ordinanza del riesame del 28 gennaio 2022 - contro la quale la difesa della Pivetti ha fatto ricorso - «ha dettagliatamente ricostruito anche le movimentazioni di danaro conseguiti alle compravendite» evidenziando, con varie rogatorie, «che i flussi finanziari generati dalle stesse non sono stati disposti né ricevuti dalle parti contraenti».

Non è stata emessa alcuna «fattura» per la compravendita della scuderia, non è stato trovato nemmeno «un conto corrente attivo" e questi - uniti «all’assenza di una autonoma sede sociale e di personale dipendente» - sono, per la Suprema Corte, «parametri dotati di sicura attitudine dimostrativa» dei sospetti dell’accusa. Secondo la procura di Milano, lo scopo dei coniugi Isolani-Mascoli era quello «di dissimulare la proprietà dei beni» della loro scuderia - tre Ferrari da corsa, un trattore stradale Iveco Stralis, un semirimorchio Imt Miele - e "sottrarli» all’Erario al quale erano debitori di circa 5mln di euro, mentre «l'obiettivo» della Pivetti era «di acquistare il logo Isolani-Ferrari per cederlo a un prezzo dieci volte superiore al gruppo Dahoe, senza comparire in prima persona». Stando a quanto ricostruito dai pm milanesi, Isolani e la moglie «simulando la vendita dell’intera scuderia, hanno di fatto ceduto soltanto il logo», mentre Pivetti, ad avviso dei magistrati, ha comprato quel logo a 1,2 milioni di euro e lo ha rivenduto al gruppo cinese a «10 milioni». Il 25 gennaio si tiene l’udienza preliminare davanti al gup per i cinque imputati, Pier Domenico Peirone, consulente di Pivetti, ha patteggiato ad aprile una condanna a un anno e 10 mesi.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook