Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Messina Denaro stanato da Angelosanto, il generale più temuto dai boss di mafia e 'ndrangheta

Messina Denaro stanato da Angelosanto, il generale più temuto dai boss di mafia e 'ndrangheta

Un uomo semplice, schietto, che ama passeggiare tra i vicoli di Sant'Elia Fiumerapido, suo paese natale. Un paese situato alle porte di Cassino e che porta ancora oggi i segni dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. Il generale dei carabinieri Pasquale Angelosanto, classe 1958, torna ogni volta che il lavoro glielo consente, per "rigenerarsi e staccare la spina" dicono gli amici d’infanzia. Mai uno sgarbo, mai una frizione ma solo e sempre profondo attaccamento alle radici.
Qui, in questo comune di 15mila abitanti, riposano i genitori, deceduti a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro nel 2011 gettando nello sconforto i fratelli Pasquale, Roberto (sindaco di Sant'Elia), Marisa ed Orietta. Un dolore forte, che ha segnato il segugio dell’Arma che ha stanato Matteo Messina Denaro e che l’11 settembre del 1992, da giovane capitano, consegnò alla giustizia un altro boss indiscusso della malavita, questa volta campana, Carmine Alfieri. Una carriera costellata di successi la sua, ma anche di sacrifici infiniti che spesso lo hanno tenuto lontano dalla famiglia.

"Sposata" l’Arma nel '79, dopo aver frequentato l’Accademia militare di Modena e la Scuola ufficiali Carabinieri, comincia una carriera "in prima linea", con numerosi incarichi operativi, oltre che nel Ros, nei reparti territoriali più impegnati nella lotta al crimine organizzato. Dal marzo 1985 al novembre 1987 era stato in Sicilia,  come Comandante della Tenenza dei Carabinieri di Santo Stefano di Camastra, in provincia di Messina.

Dopo essersi occupato di più di un "catturando" di grosso calibro, diventa comandante della Sezione anticrimine del Ros della capitale, occupandosi, fino al 2002, di eversione e terrorismo interno: segue, tra le altre, le indagini sugli omicidi di Massimo D’Antona e Marco Biagi, uccisi dalle Brigate Rosse, e sulle infiltrazioni nel litorale romano della cosca di 'ndrangheta Ruga-Gallace-Novella, attiva tra Anzio e Nettuno, nell’hinterland romano.

Uomo di azione, ma anche di analisi, dal 2002 al 2007 lavora all’Aisi (allora Sisde, l’intelligence interna), occupandosi soprattutto di terrorismo, anche internazionale, prima di tornare al Ros, dal 2007 al 2009, dove con il grado di colonnello comanda il Reparto indagini tecniche. Per quattro anni è comandante provinciale di Reggio Calabria: un’esperienza intensa, ricca di risultati - 330 le persone arrestate - condensata in un libro ("Il Canone e le proiezioni internazionali della 'ndrangheta") che racconta l’evoluzione di quella che ad oggi viene ritenuta la mafia più pericolosa, segreta e impenetrabile, per anni nemmeno scalfita dai collaboratori di giustizia.

Vicecomandante del Ros (dal 2012 al 2014), comandante del Racis di Roma (il settore delle investigazioni scientifiche) fino al 2015, due anni al vertice del III Reparto del Comando generale, poi dal 2017 il ritorno al Ros come comandante. «Non amo i proclami. Dico solo che prosegue senza sosta il lavoro investigativo di tutte le forze di polizia per indebolire la struttura che copre la sua latitanza», aveva detto in una recente intervista a chi gli chiedeva per l’ennesima volta dell’ultima grande «primula rossa» di cosa nostra. Stamattina, improvviso, l’annuncio dell’arresto. Il bersaglio è centrato.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook