Giovedì, 08 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura La Biennale dello Stretto “sbarca” al Museo di Messina: architettura, progetto e l’“antenna” al femminile

La Biennale dello Stretto “sbarca” al Museo di Messina: architettura, progetto e l’“antenna” al femminile

di

Il Mediterraneo come laboratorio internazionale di idee da cui può ripartire una nuova dimensione dell’abitare i territori, all’insegna della responsabilità e del dialogo. E’ il tema della prima edizione della Biennale dello Stretto la rassegna tra Calabria e Sicilia apertasi venerdì scorso a  Campo Calabro con la mostra “Le Tre linee d’acqua” e dibattiti che ogni giorno approfondiscono un tema diverso: oggi la tappa messinese al Museo regionale interdisciplinare, che ospita  il confronto sul tema Architettura e Territorio e il talk tutto al femminile sullo Stretto come “antenna”. A promuovere l’iniziativa la società benefit 500x100 con le città metropolitane di Reggio e Messina e l’Ordine degli architetti di Reggio Calabria, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Messina. A parlarne nelle interviste  i curatori della mostra Alfonso Femia e  Francesca Moraci,  il presidente nazionale dell’Ordine degli architetti Francesco Miceli e i presidenti di Reggio Calabria, Ilario Tassone, e Messina, Pino Falzea.

“Non è un evento, ma un’occasione stabile per proporre il dialogo come strumento di progetto e il progetto come strumento di dialogo” ha ribadito Femia, architetto internazionale, ideatore del format Mediterranei Invisibili, partito nel 2018 con una lunga serie di viaggi che hanno toccato numerose località di Sicilia e Calabria. L’idea – chiarisce – è di  recarci nei luoghi, trovando vicino al nostro tempo veloce il tempo lento per seguire e ritrovarsi, rallentare. Tutti guardano a Oriente noi ricordiamo di guardare il Mediterraneo: invisibilità non è ciò che non esiste ma ciò a cui non volgiamo lo sguardo”. Sulla responsabilità del percorso e dell’approccio nelle tematiche inerenti il disegno del territorio e il suo sviluppo ha posto l’accento la prof.ssa Moraci, ordinaria di Urbanistica all’Università Mediterranea di Reggio. Miceli e Falzea hanno evidenziato il ruolo dell’architettura quale attività non “isolata” ma capace di rispondere ai bisogni individuali e collettivi anche incentivando il dialogo interdisciplinare.  Tassone ha ribadito l’impegno dell’Ordine reggino in collaborazione con quello messinese e  l’importante sinergia istituzionale  che ha consentito di realizzare una preziosa occasione di condivisione tra territori non separati, ma uniti dallo Stretto, dal Mediterraneo. Il direttore del Museo Orazio Micali ha accolto l’evento evidenziando l’importante legame tra cultura e sviluppo dei territori, e quindi ponendo l’accento sulla necessità della formazione che, sin dal percorso scolastico, consente alla comunità di conoscere e riappropriarsi dei suoi luoghi. Presente oggi anche la coordinatrice della Biennale Mariangela Cama.

La rassegna si concluderà martedì con l’arrivederci al 2024 e una giornata sul tema Altri Futuri in programma a Messina, a Capo Peloro, nei luoghi della Fondazione Horcynus Orca dalle 10. Importante la partecipazione delle Università di Reggio e Messina, come evidenziato nei giorni scorsi dai rettori Giuseppe Zimbalatti e Salvatore Cuzzocrea.

IL PROGRAMMA DI OGGI

Architettura e progetto  MESSINA, MUSEO REGIONALE INTERDISCIPLINARE L’ESSENZIALE INVISIBILE AGLI OCCHI Felice Arena docente Laboratorio Noel Università  Mediterranea, Fulvio Cama velista e cantastorie di Reggio. Modera Giuseppe Smorto. ABITARE MEDITERRANEO  Lecture Giovanni Multari docente Università Federico II Napoli, Francesco Miceli presidente Consiglio nazionale ordine degli architetti, Luca Lanini docente Università di Pisa, Francesco Messina docente Università di Ferrara, coordinamento scientifico La Biennale dello Stretto. Moderano Alfonso Femia ed Ezio Micelli.

Ore 15 DA LOCALE A INTERNAZIONALE: LO STRETTO COME ANTENNA Elena Bonetti (video contributo) ministra Pari Opportunità e per la Famiglia, Lella Golfo presidente Fondazione Marisa Bellisario (da remoto), Isa Maggi  coordinatrice Stati Generali delle Donne, Simonetta Cenci già assessora all’Urbanistica Genova, Marcella Cannariato esperta per la ministra Pari Opportunità e per la Famiglia, Francesca Moraci docente Università Mediterranea. Modera Paola Bottero, LaC Network.

 Ore 1645 LA DIMENSIONE DELL’IMMATERIALE Andrea Di Consoli giornalista e scrittore, Mauro Francesco Minervino antropologo e scrittore. Moderano Gaetano di Gesu e Raffaele Cutillo. Invito al dialogo Francesca Agostino critica d’arte e consulente parlamentare.

Ore 18 LO STRETTO COME POLO DEL DESIGN MEDITERRANEO Lecture Giulio Iacchetti architetto designer Milano, Vincenzo Castellana art director e designer, Luciano Galimberti presidente ADI, Pino Scaglione docente Università di Trento. Modera Giorgio Tartaro. Invito al dialogo con i “compagni di viaggio” di 500x100: Marco Predari presidente Universal Selecta,  Marcella Galli Retail training specialist Mirage, Ernesto Giovannetti responsabile vendite Pellini, Stefano Foffano Attico Interni. Ore 19 Gianni di Matteo Direttore della Rete Museale e Naturale Belicina, Antonio Aricò architetto designer, Salvatore Greco architetto designer, coordinamento scientifico La Biennale dello Stretto. Moderano Giorgio Tartaro e Alfonso Femia. Invito al dialogo Francesco Alati delegato regionale ADI Calabria, Andrea Branciforti delegato regionale ADI Sicilia. Omaggio musicale per fagotto di Antonino Cicero, direttore artistico Filarmonica Laudamo.

Talk in parallelo  TERRITORI IN RETE. CAMPO CALABRO, Forte Batteria Siacci

ARCHITETTURA COME PROCESSO EDUCANTE Lilia Cannarella responsabile Dipartimento Partecipazione, inclusione sociale, sussidiarietà CNAPPC, Antonella Postorino tutor progetto Abitare il Paese OAPPC RC, Serafina Corrado dirigente scolastica IC Falcomatà Archi. Modera Santina Dattola; PAESAGGIO, CINEMA E TURISMO (4 Cfp) Lorenzo Pio Massimo Martino architetto e scenografo, Maurizio Paparazzo regista e sceneggiatore, Giovanni Scarfò regista sceneggiatore, Giacomo Triglia regista, Massimo Spanò architetto, regista e scenografo. Modera Antonella Postorino.

TERRITORI IN RETE Giuseppina Attanasio  dirigente Città Metropolitana di Reggio, Fortunato Cozzupoli direttore Gal BATIR, Pietro Currò architetto, Antonio Aricò architetto designer, Silvia Giandoriggio architetta. Introducono Antonia Labozzetta e Anna Arbitrio, Studio 2A. Moderano Elisa Zoccali e Manuel Pulella.  Ore 15 RIGENERARE DA SUD (4 Cfp in Discipline Deontologiche) Francesco Miceli presidente CNAPPC, Pino Falzea presidente Ordine Architetti  Messina, delegato Ordini Sicilia, Fabio Foti presidente Ordine Architetti  Vibo Valentia, delegato Calabria, Tommaso Marcucci presidente Ordine Architetti  Lecce, delegato Puglia, Erminio Petecca presidente Ordine Architetti Avellino delegato Campania, Fabio De Chirico ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Angelo Porgo presidente Collegio dei Periti Industriali, Stefano Maria Poeta presidente Ordine dei Dottori Commercialisti e Esperti Contabili, Antonino Sgrò presidente Ordine Dottori Agronomi e Forestali, Francesco Foti presidente Ordine degli Ingegneri, Antonio Misefari presidente Collegio dei Geometri e Geometri Laureati. Moderano Ilario Tassone e Michelangelo Pugliese. Ore 16.30-17.45 ACQUA RISORSA TERRITORIALE Angela Pellicanò Techne Contemporary Art, Ninni Tramontana Presidente CCIA Reggio, Giuseppe Putortì direttore Ente Parco Aspromonte, Pietro Foti dirigente Città Metropolitana di Reggio, Michele Laganà Presidente Ance Reggio. Moderano Mariangela Cama e Giacomo Chirico.

Ore 17.45-19 QUALITÀ NELL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE Ilario Tassone presidente OAPCC Reggio.  Il previsto PREMIO ANTONIO QUISTELLI E FLORA BORRELLI è stato rinviato. Alle 1915 al Teatro Cilea (ingresso gratuito fino a esaurimento posti) Nicola Piovani in concerto Contaminazioni Festival della Scienza Città Metropolitana di Reggio.

IL PROGRAMMA DI DOMANI 3 ottobre

Responsabilità e generosità 8-9.30 Il Caffè della Biennale Altafiumara Resort Villa San Giovanni, Conversazioni brevi con Caterina Trecroci, presidente Consiglio comunale Villa, Carmelo Versace, sindaco ff Città Metropolitana Reggio, Costanza Hermanin European University Institute, Renato Sergi ingegnere, Gaetano Scarcella presidente Consiglio comunale di Nizza di Sicilia.

 CAMPO CALABRO, FORTE BATTERIA SIACCI 10-11.30 AGIRE SOSTENIBILE (3 Cfp) Andrea Margaritelli, presidente in/arch, ideatore Green Table e Seeds Perugia, Gaetano Giunta segretario generale Fondazione di Comunità Messina, Michelangelo Pugliese coordinamento scientifico La Biennale dello Stretto, Maria Elisabetta Biffis Tenuta Acton di Leporano, Rizziconi, Federica Basile operation manager Fattoria della Piana Reggio. Moderano Alfonso Femia e Luciano Marabello. Invito al dialogo: Silvano Arcamone, responsabile rigenerazione urbana e lavori pubblici, direzione generale Agenzia del Demanio. 11.45-13.30

LETTURE A SUD Laura Pavia e Ina Macaione “Rigenerare a Sud-Rigenerare il Sud”, docenti Università della Basilicata, Davide Vargas “Napoli scontrosa” architetto e scrittore, Giuseppe Smorto “A Sud del Sud”, giornalista e scrittore, Giovanni Multari e Michelangelo Pugliese “Architettura e paesaggio per l’esistente”, docenti Università Federico II. Presenta Simona Finessi, Platform. Invito al dialogo: Filippo Quartuccio, assessore delegato alla Cultura Città metropolitana Reggio. 15-16.15

RACCONTARE IL MEDITERRANEO (5cfp) Annarosa Macrì, giornalista, Gioacchino Criaco scrittore, Lelio Bonaccorso illustratore. Modera Anna Mallamo, Gazzetta del Sud. 16.30-18 BIOMA MEDITERRANEO Lecture Carmen Santana, Archikubik Barcellona, Guia Baggi giornalista e co-fondatore Mag-ma, Alberto Sanna direttore Centro per la tecnologia avanzata in salute e benessere San Raffaele Milano e Osservatorio per la tutela del mare. Moderano Alfonso Femia e Roberta De Ciechi.

18.15- 20 LE VIE DEL MEDITERRANEO Mosè Ricci docente Università di Trento, Delio Miotti già dirigente Svimez, Bruno Discepolo Governo del territorio - Regione Campania, Marcello Panzarella docente Università di Palermo, Luca Molinari docente Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, Francesca Moraci docente Università Mediterranea. Moderano Alfonso Femia e Laura Andreini. Dibattito con Femia, Moraci, Giovanni Aurino, Gaetano Scarcella, Ilario Tassone, Silvano Arcamone.

20-20.30 VISIONI MEDITERRANEE Andrea Agostinelli presidente Autorità di Sistema Portuale Gioia Tauro, Patrizia Nardi esperta in valorizzazione del patrimonio culturale e candidature Unesco. Modera Giorgio Tartaro.  Proiezione del corto “Vedrai ciò che un giorno desiderasti”. Intrattenimento musicale: Meriam Jane Dancin’ Groove.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook