Venerdì, 27 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Foto Politica Sabino Cassese il "salvagente" dei partiti in crisi. E lui ironizza: "Io al Colle, perché escluderlo?"

Sabino Cassese il "salvagente" dei partiti in crisi. E lui ironizza: "Io al Colle, perché escluderlo?"

La notizia ieri sera è arrivata come un fulmine a ciel sereno. "Il Foglio" lancia il sasso nello stagno e comunica di un incontro tra lui e, niente di meno che, Matteo Salvini. Il leader della Lega, nel bel mezzo di una lotta intestina tra i partiti che ha portato finora ad una stasi, prova a calare l'asso nella manica ed è così che viene fuori il nome di Sabino Cassese. Stamattina, intervistato da "Repubblica" ha risposto così all'affermazione finale di Concetto Vecchio: "Professore, per molti lei sarebbe stata una degna opzione per il Colle". "Perché lo vuole escludere?"

Il curriculum

Ministro per la funzione pubblica, giudice alla Corte costituzionale, docente in prestigiose università, conferenziere, direttore di collane giuridiche, presidente di svariate Commissioni di riforma e di una banca (il Banco di Sicilia), componente dei Consigli di amministrazione di svariate società (Olivetti, Autostrade, Assicurazioni Generali e Lottomatica).

Ha alle spalle un curriculum sterminato Sabino Cassese, professore emerito della Scuola Normale Superiore di Pisa, ed è tra i giuristi più attivi nel dibattito pubblico. Figlio dello storico Leopoldo Cassese e fratello di Antonio, morto nel 2011 e che è stato il primo presidente del Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia, è originario di Atripalda, e ha 86 anni.Laureato all’Università di Pisa e diplomato presso la Scuola Normale Superiore - Collegio giuridico, ha lavorato all’Eni di Enrico Mattei dal 1958 fino al 1962. Quindi l’approdo all’insegnamento universitario: Urbino la prima sede di una lunga serie, poi Napoli ,la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione e e poi ancora «La Sapienza» dove ha insegnato fino al novembre 2005, quando è stato nominato giudice della Corte costituzionale dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Era stato sempre Ciampi a chiamarlo 12 anni prima nel suo governo, come ministro per la Funzione pubblica, incarico ricoperto per un anno dal 1993 al 1994. Presidente dell’European Group of Public Administration dal 1987 al 1991, ha collaborato con l’Ocse alla riforma delle amministrazioni pubbliche dei Paesi dell’Europa centrale e orientale. Nel 1990 fu il primo a sostenere l’idea dell’autonomia scolastica: la proposta alla Conferenza nazionale della scuola voluta dall’allora ministro dell’Istruzione Sergio Mattarella. Negli anni Novanta ha presieduto la Commissione per la riforma delle partecipazioni statali e la Commissione di garanzia per l’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali.

Le critiche ai Dpcm di Conte

Tanti i suoi interventi pubblici durante la pandemia. Soprattutto nella prima fase la sua è stata una delle voci più critiche sul ricorso allo strumento dei Dpcm per le misure che hanno limitato la libertà di movimento in nome della lotta al Covid.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook