Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Ha modificato il suo corpo per diventare un "alieno nero": "Adesso i ristoranti hanno paura di servirmi"

Ha modificato il suo corpo per diventare un "alieno nero": "Adesso i ristoranti hanno paura di servirmi"

Si chiama Anthony Loffredo, 33 anni, ma si definisce black alien (alieno nero): si è tolto le orecchie, le narici e persino alcune dita, ha affilato i denti e li ha tinti di porpora e ha ricoperto il suo corpo di strani tatuaggi. Lo riporta il New York Post. Ora però il giovane francese dice di ritrovarsi in una condizione invivibile. "Se voglio mangiare in un ristorante, a volte il cameriere dice che non posso farlo sulla terrazza, ma in zone più appartate per  non spaventare gli altri clienti", ha recentemente dichiarato a LAD Bible. Ma ha anche affermato che il suo aspetto gli impedisce di ottenere un lavoro, riferisce il Mirror.


E, in effetti, la modifica estetica di Loffredo ha dell'incredibile. Anthony, che ha intrapreso la metamorfosi del corpo perché sentiva di essere nato in un corpo a cui non apparteneva, ha detto che ogni giorno deve confrontarsi con persone che hanno una "mente chiusa".

Tutto questo, però, non ha fermato la sua passione per le modifiche del corpo e ne ha altre in programma. In precedenza ha rivelato di essere sempre stato "appassionato di mutazioni e trasformazioni fin dalla tenera età".

Anche se il suo aspetto ricorda un personaggio fantascientifico, Anthony insiste di essere un "ragazzo normale". "Lavoro, ho una famiglia - ha dichiarato -  Mi piace essere guardato come un ragazzo normale con un lavoro, con una famiglia, che ha un amico, una ragazza, e tutto il resto. Questo è ciò che mi rende normale".

Altri casi analoghi di mutazione strema del corpo

Uno dei più noti esempi di trasformazione estrema del corpo attraverso i tatuaggi è il "Enigma", un uomo americano che si è fatto tatuare il viso, le mani e il collo con motivi complessi e intricati. Il suo corpo è diventato un'opera d'arte vivente, con tatuaggi che coprono ogni centimetro della sua pelle.

Altro esempio di trasformazione estrema del corpo attraverso i tatuaggi è il "Zombie Boy", un modello canadese conosciuto per i tatuaggi che coprono gran parte del suo corpo, il suo viso incluso, per creare l'illusione di essere un morto vivente.

In quanto a mutilazioni, c'è una pratica chiamata "stretch piercing" in cui le orecchie vengono allungate con l'uso di pesi, creando un effetto di grande diametro e lunghezza del lobo. Questa pratica è molto comune nei paesi africani e tra le tribù indigene, ma sta diventando sempre più popolare anche in occidente.

La chirurgia estetica estrema è un'altra area in cui le persone possono trasformare il loro corpo in modo radicale. Un esempio è il caso di "Human Ken Doll" Rodrigo Alves, un uomo britannico che ha speso oltre 500.000 dollari per modificare il suo aspetto attraverso la chirurgia estetica, tra cui il rinforzo delle guance, la rimozione della cartilagine del naso e l'aumento del seno maschile.

Ecco alcuni altri personaggi che si sono fatti notare per le loro trasformazioni estreme:

  • "The Illustrated Lady", una donna americana che si è fatta tatuare il corpo intero con motivi artistici, creando un'opera d'arte vivente.
  • "The Lizardman", un uomo americano che si è fatto tatuare la pelle per farla sembrare scaglie di una lucertola, e si è anche fatto inserire degli anelli di metallo nei lobi delle orecchie per allungarli.
  • "The Plugs", un uomo americano che si è fatto inserire dei tappi di grandi dimensioni nei lobi delle orecchie per allungarli, e ha anche tatuato il corpo con motivi tribali.
  • "The Human Barbie", una donna americana che ha subito numerosi interventi chirurgici per modificare il suo aspetto in modo da somigliare alla bambola Barbie, tra cui l'aumento del seno, il ringiovanimento facciale e la liposuzione.

In generale, la trasformazione estrema del corpo attraverso tatuaggi, mutilazioni o chirurgia estetica è una scelta personale e spesso controverso. Molti lo vedono come un'espressione artistica della propria identità, mentre altri lo considerano una forma di auto-distruzione.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook