Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Tokyo 2020

Home Foto Tokyo 2020 Tokyo 2020: Dell'Aquila è oro nel taewondo! Samele, compleanno d'argento. Nel ciclismo oro a Carapaz, male Nibali e l'Italia

Tokyo 2020: Dell'Aquila è oro nel taewondo! Samele, compleanno d'argento. Nel ciclismo oro a Carapaz, male Nibali e l'Italia

Il live azzurro di Tokyo 2020

La maratona olimpica di Tokyo prosegue dopo l'antipasto dei giorni scorsi pre-cerimonia di inaugurazione. Italia protagonista in numerose discipline.

TAEKWONDO. Vito Dell’Aquila ha vinto la medaglia d’oro nel taekwondo -58 kg a Tokyo 2020. In finale ha battuto il tunisino Jendoubi per 16-12 con una rimonta concretizzatasi negli ultimi secondi di gara. Si tratta della prima medaglia d’oro dell’Italia alle Olimpiadi giapponesi. 

SCHERMA. Luigi Samele battuto in finale dall'invincibile ungherese Szilagyi (terzo oro in tre olimpiadi). Dopo Vito Dell’Aquila nel taekwondo, anche Luigi Samele si era guadagnato l'accesso in finale per l’oro nella sciabola maschile. Lo schermidore foggiano aveva sconfitto in semifinale il coreano Kim per 15-12. L'azzurro aveva battuto nel derby italiano Enrico Berrè per 15-10 che, a sua volta, era approdato agli ottavi di finale del torneo olimpico di sciabola battendo il tunisino Fares Ferjani con il punteggio di 15-10. Samele aveva raggiunto gli ottavi di finale del torneo olimpico di sciabola maschile. Il foggiano ha battuto 15-12 il cinese Yingming Xu nonostante due... scivolate.

La gioia... a metà. «Il secondo posto è meglio di terzo, peccato perché sono ancora arrabbiato. Deve ancora passarmi l’incazzatura per la sconfitta ma se mi avessero detto ieri che avrei vinto la medaglia d’argento avrei firmato. Ma sono felice, anche se non riesco ancora a realizzare. Mi faccio un bellissimo regalo di compleanno». Sono le prime parole di Luigi Samele al termine della finale. Domani compirà 34 anni.

Cronaca delle altre gare. Svaniscono ai quarti di finale le speranze azzurre di medaglia nella prova di spada femminile a Tokyo 2020: sono state infatti eliminate le uniche due italiane che erano ancora in corsa, Rossella Fiamingo e Federica Isola. Fiamingo è stata sconfitta 15-7 dall’estone Lehis, mentre Isola è stata superata all’overtime per 11-10 dalla cinese Sun. Mara Navarria era stata invece eliminata negli ottavi sempre dalla Lehis. Luca Curatoli è stato eliminato ai 32esimi di finale del torneo olimpico di sciabola maschile. L'azzurro è stato battuto all’esordio dal rumeno Iulian Teodosiu con il punteggio di 15-13.

CICLISMO. Richard Carapaz vince la medaglia d'oro dopo una lotta ingaggiata sin dalle 4  di mattina: dopo 6 ore, l'ecuadoregno (il secondo ad andare a medaglia) arriva davanti al belga Wout Van Aert e allo sloveno Tadej Pogacar. Male Vincenzo Nibali e l'Italia: il primo al traguardo è stato Alberto Bettiol che ha chiuso 14esimo. Era nel gruppetto di testa prima di essere fermato dai crampi a 15 km dalla fine. Ventesimo Gianni Moscon.

NUOTO. Alberto Razzetti ha conquistato un posto nella finale dei 400 misti di nuoto ai Giochi di Tokyo. Il ligure ha chiuso la sua batteria al 2° posto con un gran finale, nuotando in 4'09"91, quinto tempo complessivo di accesso in finale. Eliminato l’altro azzurro iscritto, Pier Andrea Matteazzi, che ha chiuso all’ultimo posto nella batteria di Razzetti nuotando in 4'16"31.  Elena Di Liddo e Ilaria Bianchi si sono qualificate per le semifinali dei 100 farfalla a Tokyo2020, rispettivamente col nono (57"41) e dodicesimo (57"70) tempo. Ilaria Cusinato si qualifica per la finale olimpica dei 400 misti ai Giochi di Tokyo, centrando l'ottavo e ultimo tempo utile (4'37"37). Prima delle escluse, col nono crono, Sara FranceschiGabriele Detti si è qualificato per la finale dei 400 stile libero alle Olimpiadi di Tokyo mentre è stati eliminato l’altro azzurro Marco De Tullio.
Detti ha realizzato il terzo tempo delle batterie in 3'44"67. Miglior tempo per il tedesco Henning Bennet Muhlleitner (3'43"67) davanti all’austriaco Felix Auboeck. La finale è in programma nella notte italiana. Nicolò Martinenghi e Federico Poggio si qualificano per le semifinali dei 100 rana ai Giochi di Tokyo, rispettivamente col quarto (58"68) e non (59"33) tempo assoluto.

TENNISTAVOLO. Debora Vivarelli è stata eliminata al primo turno del torneo olimpico di tennistavolo. L’azzurra è stata sconfitta 4-1 (11-7 5-11 11-4 12-10 11-2) dall’australiana Jian Fang.

BASKET 3X3. Dopo il debutto vincente le atlete azzurre del basket 3x3 (battuto 15-14 la Mongolia), è stata a Francia a stoppare le ragazze azzurre con il punteggio di 20-16 dopo aver recuperato da un parziale di 7-1.

PUGILATO. Ottimo esordio dell’azzurra Irma 'Butterfly' Testa sul ring olimpico di Tokyo. In un match del primo turno della categoria pesi piuma (57 kg), la poliziotta di Torre Annunziata ha battuto ai punti per 4-1 (30-27, 30-27, 30-27, 30-27, 28-29) la russa, qui come 'atleta neutrale' Liudmila Vorontsova. Nel prossimo turno, quello degli ottavi di finale, Irma affronterà l’irlandese Michaela Walsh, n.3 del ranking mondiale.

TENNIS. Sara Errani saluta i Giochi Olimpici di Tokyo. L’azzurra è stata eliminata al debutto da Anastasia Pavlyuchenkova: 6-0 6-1 il punteggio per la russa, che nel finale dell’incontro ha accusato un lieve malore a causa del caldo. Lorenzo Musetti eliminato. Il tennista azzurro ha ceduto sotto i colpi dell'esperto australiano Millman che ha vinto in due set 6-3/6-4. In compenso Fabio Fognini non ha faticato più di tanto contro il giapponese Sugita, sconfitto in due set (6-3/6-3). Autentica maratona per Lorenzo Sonego che, sull’orlo del cornicione è riuscito a rialzarsi: sotto 6-4/5-4 e match point a sfavore contro l’altro nipponico Daniel, è riuscito a portare la gara al terzo set ) e a rimontare vincendo due tie-break.

CARABINA. Niente da fare per Sofia Ceccarello, che all’ultimo colpo vede sfumare la finale olimpica della carabina dieci metri di tiro a segno. L’azzurra ha chiuso con un 8.8, al 10 posto (in finale passano le prime 8. Non si qualifica nemmeno Paolo Monna, 26° (570-23x) nella prova maschile.

CANOTTAGGIO. Giornata molto positiva per il canottaggio italiano sulle acque Sea Forest Waterway. Il quattro senza maschile composto da Matteo Castaldo, Bruno Rosetti, Matteo Lodo e Giuseppe Vicino ha staccato il biglietto per la finale chiudendo la propria batteria al 2° posto. Avanzano in semifinale le altre 4 imbarcazioni azzurre in acqua stamattina: il due senza femminile di Aisha Rocek e Kiri Tontodonati (terze in batteria), il due senza maschile di Giovanni Abagnale e Marco Di Costanzo (secondi in batteria), il doppio pesi leggeri femminile di Valentina Rodini e Federica Cesarini (seconde in batteria) e il doppio pesi leggeri maschile di Stefano Oppo e Pietro Willy Ruta (secondi in batteria).

PALLAVOLO. Vittoria in rimonta per l'Italia del Volley contro il Canada.

JUDO. L’azzurra Francesca Milani, judoka degli atleti delle Fiamme Oro della Polizia di Stato, è stata eliminata da Chen-Hao Lin (Taipei) nella categoria -48 kg.

TIRO CON L'ARCO. Niente da fare per l’Italia nel mixed team di tiro con l’arco. Chiara Rebagliati e Mauro Nespoli sono stati sconfitti 3-0 dall’Olanda negli ottavi di finale.

Olimpiadi Tokyo 2020: ecco gli italiani in gara sabato 24 luglio. Il programma: scocca l'ora di Nibali

Prima medaglia Tokyo 2020

Prima medaglia d’oro assegnata ai Giochi olimpici di Tokyo. A conquistarla la cinese Qian Yang al termine della finale 10 metri carabina femminile di tiro a segno. La tiratrice cinese ha chiuso con 251.8. Argento per la russa Anatasiia Galashina (251.1), bronzo per la svizzera Nina Christen con 230.6. L’azzurra Sofia Ceccarello, unica italiana in gara, era stata eliminata nelle qualificazioni.

Tokyo 2020, maratona Italvolley. Gli azzurri battono in rimonta il Canada (3-2)

Rischio Tifone a Tokyo: anticipato il canottaggio

I meteorologi giapponesi hanno avvertito che esiste una «media possibilità» che il Tifone tropicale Nepartak, formatosi nel mare delle Filippine, si possa abbattere anche sulla città di Tokyo la prossima settimana, per questo gli organizzatori dei Giochi olimpici hanno iniziato a ragionare, in funzione dell’evolversi del fenomeno atmosferico, alla riprogrammazione di alcuni eventi olimpici. Gli organizzatori dei giochi hanno già spostato gli eventi di canottaggio previsti per lunedì, aggiungendoli al programma di sabato e domenica.

La dodicenne siriana Zaza saluta le Olimpiadi: battuta dalla campionessa Liu

La siriana Hend Zaza, 12 anni, l’atleta più giovane delle Olimpiadi di Tokyo, ha perso contro l’austriaca Liu Jia ed è fuori al primo turno. La dodicenne, originaria di Hama, tra le zone più colpite dalla guerra, non si è persa d’animo e dopo la sconfitta ha dichiarato: «Raggiungere le Olimpiadi di Tokyo era già un risultato. Non mi è stato chiesto di vincere, mi è stato chiesto di giocare bene e penso di aver fatto una buona performance e imparato dalla sconfitta. Spero che alle prossime Olimpiadi ci sia qualcosa di più per me». La vincitrice Liu, 39 anni, è stata campionessa europea nel 2005, quattro anni prima che Zaza nascesse. «Ai miei occhi ho comunque realizzato qualcosa. Di sicuro, volevo vincere e prendere una o due partite, ma spero nelle prossime Olimpiadi», ha detto l’atleta siriana. Zaza ha dovuto superare molte avversità per raggiungere le Olimpiadi, dove ha portato la bandiera siriana nella cerimonia di apertura di venerdì. La guerra civile in Siria ha ucciso circa 500.000 persone, causato milioni di sfollati e devastato molte infrastrutture da quando è iniziata nel 2011 con la repressione delle proteste antigovernative. «Le condizioni in cui mi sono allenato in Siria erano una cosa molto dura per me, speravo in un piano d’allenamento diverso. Non avevamo questi tavoli né questa organizzazione», ha detto Zaza.

Sei atleti azzurri in quarantena

Sei atleti e sette dirigenti dell’Italia Team sono in isolamento fiduciario a Tokyo dopo aver avuto un contatto stretto con una persona positiva al Covid-19 (il giornalista italiano). Lo ha comunicato il Coni da Casa Italia a Tokyo. Nessuno di loro è positivo e gli atleti possono comunque svolgere gli allenamenti e gareggiare previo tampone molecolare prima della competizione.

Il provvedimento

I sei atleti azzurri (ai quali si aggiungono sette dirigenti) messi in quarantena oggi al Villaggio olimpico per le procedure governative giapponesi sono in isolamento ma continuano ad allenarsi e la loro situazione non pregiudica la partecipazione alle gare. La decisione delle autorità sanitarie giapponesi, che è stata comunicata al Comitato organizzatore e poi al Coni, è la conseguenza del "close contact" in aereo il 18 luglio scorso con un giornalista italiano trovato positivo al covid.

La nota del Coni

Subito chiarito che tale posizione di 'close contact' non impatta sulla partecipazione ai Giochi di questi atleti, in quanto la normativa prevede che possono continuare ad allenarsi e a gareggiare, effettuando un tampone molecolare sei ore prima della gara. La procedura è già scattata subito dopo la comunicazione ufficiale al Coni. Inoltre, all’interno del villaggio gli atleti, benché in isolamento fiduciario - è scritto nel comunicato - continueranno a svolgere regolarmente tutte le loro attività propedeutiche alle competizioni olimpiche seguendo solo specifiche accortezze procedurali per quanto riguarda i pasti ed i trasferimenti agli impianti di gara».

La Vezzali è tranquilla e visita casa Italia

«Lo sapevamo, eravamo preparati a tutto. Anche questa situazione è sotto controllo e questo è quello che ci interessa. Le cose si possono fare, se si seguono con i protocolli necessari si può andare avanti e io sono convinti che tutti i nostri atleti faranno la loro gara senza problemi». Lo dice la sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali che ha visitato casa Italia. «Oggi si sono aperti i Giochi, arriveranno le prime medaglie, mi auguro che queste olimpiadi si possano tingere di tanto azzurro. «Tutte le medaglie che l’Italia ci regalerà saranno medaglie simbolo, perché sono il frutto di un anno e mezzo di sacrifici, di ritardo rispetto ai Giochi previsti. Ma anche il solo fatto solo di essere qui, rappresenta un punto di arrivo importante», ha proseguito Vezzali, specificando che «queste olimpiadi le definirei 'diverse', perché sicuramente resteranno nella storia. Sono il simbolo dello sport che c'è e che si trova qui a celebrare la sua festa nonostante tutto. Ieri è stata una cerimonia molto sobria, ne ho vissute cinque, è stata bella perché tutte le delegazioni che hanno sfilato erano emozionate, felici di esserci». «Il mio cuore è nella scherma, ma credo che la nostra Italia ci regalerà tante soddisfazioni in tante discipline - ha concluso - I nostri punti di forza restano la scherma, il tiro a volo, il tiro a segno, il nuoto, ma anche la pallavolo, gli sport di squadra, il ciclismo su pista e su strada, insomma ne vedremo delle belle», ha concluso.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook