Mercoledì, 01 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Europa

Home Europa Bruxelles adotta nuovo quadro su aiuti di Stato

Bruxelles adotta nuovo quadro su aiuti di Stato

News
Bruxelles adotta nuovo quadro su aiuti di Stato

BRUXELLES - Via libera definitivo della Commissione europea al nuovo quadro temporaneo sugli aiuti di Stato, per consentire agli Stati membri di utilizzare la piena flessibilità prevista dalle norme per sostenere l'economia nel contesto dell'epidemia di Coronavirus. "Il quadro temporaneo consente agli Stati membri di garantire che sia disponibile liquidità sufficiente per le imprese di ogni tipo e di preservare la continuità dell'attività economica durante e dopo lo scoppio dell'epidemia", scrive Bruxelles. La Commissione aveva presentato lo schema l'altro ieri, e l'aveva inviato agli Stati per consultazione. Oggi lo adotta ufficialmente.

"L'impatto economico dell'epidemia è grave. Dobbiamo agire rapidamente per gestire l'impatto il più possibile. E dobbiamo agire in modo coordinato. Questo nuovo quadro temporaneo consente agli Stati membri di utilizzare la piena flessibilità prevista dalle norme sugli aiuti di Stato per sostenere l'economia in questo momento difficile", ha detto la vicepresidente esecutiva della Commissione Ue, responsabile della concorrenza, Margrethe Vestager. Il quadro temporaneo di aiuti di Stato è basato sull'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, e riconosce che l'intera economia dell'Ue sta vivendo un grave disturbo. Per contrastarlo, prevede diversi tipi di aiuti. Ci sono sovvenzioni dirette, agevolazioni fiscali selettive e pagamenti anticipati: gli Stati membri saranno in grado di istituire regimi per concedere fino a 800.000 euro a una società per far fronte alle sue urgenti esigenze di liquidità. Un altro aiuto consente agli Stati di fornire garanzie alle banche perché continuino a fornire prestiti ai clienti che ne hanno bisogno. Poi ci sono prestiti pubblici sovvenzionati alle imprese. E poi ci sono quelli alle banche, ovvero "Salvaguardie per le banche che convogliano gli aiuti di Stato all'economia reale". La Commissione precisa che "alcuni Stati membri prevedono di sfruttare le capacità di prestito esistenti delle banche e di utilizzarle come canale di sostegno alle imprese, in particolare piccole e medie. Il nuovo quadro chiarisce che tali aiuti sono considerati aiuti diretti ai clienti delle banche, non alle stesse banche, e fornisce indicazioni su come garantire una distorsione minima della concorrenza tra le banche".

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook