Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Migranti: via libera a proroga Sophia, ma senza navi

Primo piano
Un intervento nell'ambito della missione Sophia

BRUXELLES - La missione Sophia andrà avanti per altri sei mesi durante i quali sarà però temporaneamente sospeso l'impiego di unità navali. E' quanto prevede l'intesa raggiunta ieri dagli ambasciatori dei 28 riuniti nel Comitato politico e di sicurezza Ue (Cops) che oggi ha ricevuto luce verde dalle capitali Ue. Lo si è appreso da fonti europee.

La sospensione dell'attività di pattugliamento del Mediterraneo centrale condotta finora con unità navali, secondo le informazioni raccolte a Bruxelles, è la conseguenza dell'impossibilità di trovare un accordo tra i 28 sullo sbarco anche in porti diversi da quelli italiani delle persone salvate in mare. Una richiesta avanzata fin dall'estate scorsa dal governo di Roma. Saranno invece rafforzate le altre attività della missione Sophia, cioè quelle di pattugliamento aereo e di addestramento-supporto alla Guardia costiera libica. Inoltre, secondo l'accordo odierno, si continuerà a cooperare con le organizzazioni internazionali e le autorità libiche per assicurare adeguata protezione ai rifugiati in Libia.

Il comando della missione, il cui mandato resta formalmente immutato, continuerà a essere affidato all'Italia. Operativamente sarà il Cops a dare al comandante della missione, l'ammiraglio Enrico Credendino, l'ordine di ritirare da Sophia le unità navali attualmente in mare. La missione EunavforMed Sophia è stata lanciata dal Consiglio Ue nel 2015 e lo scorso dicembre i suo mandato è stato prorogato di tre mesi, cioè fino al 31 marzo prossimo. Il suo mandato prevede la lotta ai traffici illegali, in primo luogo quelli di esseri umani. In caso di avvistamenti di naufraghi o barconi in mare, gli aerei di pattuglia sul Mediterraneo centrale avviseranno il comando centrale dell'operazione che a sua volta contatterà le autorità del Paese competente.

"Sophia è una missione navale ed è chiaro che senza navi in mare la missione non potrà adempiere pienamente al suo mandato. Ma gli Stati membri hanno deciso così", ha detto Maja Kocijancic, portavoce della Commissione europea, rispondendo a una domanda sull'estensione del mandato della missione Sophia decisa oggi dai 28.

La missione EnavforMed, ribattezzata Sophia e a guida italiana, ha preso il via nel giugno del 2015. Lo scorso dicembre era stata prorogata di tre mesi nonostante tra i 28 non fosse stato trovato nessun accordo per modificarne le regole operative in base alle quali tutte le persone salvate in mare dalle unità navali partecipanti alla missione dovevano essere sbarcate in porti italiani. I compiti 'istituzionali' di Sophia sono sempre stati quelli di contrasto ai traffici illeciti nel Mediterraneo centrale, da quelli di esseri umani al contrabbando di petrolio, e l'addestramento della Guardia costiera libica. 

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook