Martedì, 26 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Europa

Home Europa Dombrovskis, con Recovery fund anche strumento per riforme

Dombrovskis, con Recovery fund anche strumento per riforme

Primo piano
Dombrovskis, con Recovery fund anche strumento per riforme

BRUXELLES - La proposta franco-tedesca sul Recovery Fund è "commisurata alla sfida", e "alimenterà" quella che la Commissione Ue svelerà la prossima settimana. Bruxelles però presenterà anche "uno strumento per la ripresa e la resilienza che si concentra su investimenti e riforme strutturali", visto che "non ci servono solo soldi aggiuntivi, ma anche riforme per creare un ambiente più favorevole per le imprese, per rafforzare la capacità amministrativa affinché i fondi extra abbiano massimo effetto". Lo ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, al termine dell'Ecofin. Dombrovskis ha spiegato che "la maggior parte dei finanziamenti sarà disponibile nel 2021", ma "studiamo la possibilità di anticipare alcuni fondi nel 2020, tecnicamente ancora non è risolto ma stiamo guardando cosa fare". In ogni caso, per fare in fretta serve prima di tutto "un accordo rapido sul Recovery fund" da parte del vertice Ue. 

"La Commissione Europea al lavoro per il piano e il fondo di #Recovery. Una crisi senza precedenti impone risposte senza precedenti. Da Francia e Germania un contributo importante in questa direzione". Questo il tweet postato dal commissario Ue all'Economia Paolo Gentiloni.

 

"Ieri Merkel e Macron hanno trovato un accordo sul recovery fund. Si tratta di un risultato storico sia per la Francia e la Germania ma anche per tutta l'Ue". Così il ministro dell'economia francese Bruno Le Maire prima dell'Ecofin. "E' la prima volta che Francia e Germania si trovano d'accordo per finanziare il debito comune e le spese di bilancio della Ue", ha aggiunto il ministro. "Per la prima volta possiamo sostenere il rilancio economico nei paesi più toccati dalla crisi del coronavirus, ed evitare le divergenze economiche e di crescita fra gli stati membri Ue e della zona euro - ha sottolineato -. La seconda motivazione è politica, Germania e Francia affermano con forza la volontà della solidarietà all'interno della Ue". Secondo Le Maire la "Francia e la Germania sono determinate a lavorare insieme al servizio del bene comune e della costruzione europea". 

Le proposta franco-tedesca per un Recovery Fund europeo da 500 miliardi "è un grande passo avanti e un'ottima notizia non solo in termini di economia e occupazione, ma anche per il futuro dell'Unione europea", ha detto il ministro delle Finanze tedesco, Olaf Scholz, prima dell'Ecofin. Dopo il lockdown "sono necessari ulteriori progressi per assicurarci una ripresa dell'economia" ed "è positivo" che "Germania e Francia presentino congiuntamente una proposta" con "questi nuovi 500 miliardi" per "permettere all'Europa di uscire insieme dalla crisi" e renderla "più forte", ha aggiunto.

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook