Giovedì, 22 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Motori

Home Motori Ford Kuga Plug-in Hybrid ST-Line X, regina delle ibride

Ford Kuga Plug-in Hybrid ST-Line X, regina delle ibride

La terza generazione di Ford Kuga è pronta a proseguire la strada del successo delle precedenti, con oltre 130 mila vetture vendute in 12 anni. Completamente rinnovata nel design, nella tecnologia e nella connettività. La nuova Kuga offre tre declinazioni ibride: Mild-Hybrid, Plug-In Hybrid e Hybrid. Così come per tutti gli altri modelli dell'Ovale Blu, l'ultima nata ha un aspetto molto dinamico e una silhoutte più snella, con la linea del cofano più lunga, l'angolo del parabrezza posteriore più inclinato e la linea del tetto più bassa. E' più larga di 44 mm e più lunga di 89 mm rispetto al modello precedente. Il passo è aumentato di due centimetri ed il peso ridotto di 80 chili. Questo ha permesso di ricavare più spazio per le sedute dei passeggeri sia anteriori sia posteriori. Novità apprezzabile per i viaggiatori più freddolosi i sedili posteriori riscaldati; il vano di carico risulta ampliato per una capacità totale di 645 litri, la migliore nel segmento. Il tappetino bagagliaio, da una parte velluto e dall'altro gomma, reversibile, si adegua alle diverse esigenze. L'accesso al vano bagagli si ottiene con un semplice movimento del piede sotto il paraurti posteriore.
Gli interni sono ora più spaziosi e pratici ed anche il comfort è aumentato con una notevole riduzione della rumorosità. Migliorata la qualità delle immagini anche del nuovo quadro strumenti LCD da 12.3" che utilizza la tecnologia free form; mentre il touch screen centrale a colori da 8" è compatibile con Apple carplay e android auto. Kuga è anche il primo Suv dell'Ovale Blu venduto in Europa che offre il display head up, uno dei più ampi visori offerti in Europa, (6 x 2,5"), molto utile visto che consente di avere la velocità della Kuga e quella consentita sempre ad altezza d'occhio, senza dover abbassare lo sguardo mentre si guida. Di serie anche il nuovo pad di ricarica wireless. L'impianto audio B&O è di tutto rispetto con i suoi 575 watt di potenza e i 10 diffusori. La versione da noi provata, la Kuga Plug-in hybrid in versione ST-Line X, ha due fonti di alimentazione, elettrica e termica, fino a 56 km di autonomia in modalità puramente elettrica.
La batteria può essere caricata attraverso una presa esterna montata sul parafango anteriore oppure utilizzando, mentre è in movimento, la tecnologia di ricarica rigenerativa che cattura l'energia cinetica normalmente persa durante la frenata. Questo permette una maggiore riduzione di consumi rispetto all'hybrid pari a 1,2l/100 km ed emissioni di CO2 da 26g/km. Per ricaricarla servono 6 ore con una presa da 220V, o 3 con la EVBox Elvi Wallbox offerta da Ford o presso una stazione di ricarica pubblica. La batteria è agli ioni di litio da 14,4 kWh, ed il motore elettrico, che sviluppa una potenza complessiva fino a 225 CV, permette di guidare in modalità solo elettrica fino alla velocità di 130 km/h. Il cambio automatico E-Shifter prevede diverse modalità di guida. Normal, sport, Eco, Slippery e Snow/Sand. A queste modalità del motore termico si aggiungono per il Plug-in EV Auto, EV Now, EV later ed EV Charge. Con EV Auto, full hybrid, la vettura gestirà in completa autonomia il passaggio tra modalità elettrica, ibrida, e benzina, garantendo sempre le migliori prestazioni.
Presente il nuovo modem integrato FordPass Connect che trasforma l'auto in un wi-fi hot spot. Per quanto riguarda gli ADAS, è presente il nuovo sistema Lane-keeping con Blind Spot Assist, il Local Hazard Information, il pre collision assist, con il Pedestrian and Cyclist detection, l'adaptive cruise control con stop and go, il riconoscimento dei segnali stradali con limiti di velocità. Prezzo a partire da 42.000 euro.
(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook