Domenica, 17 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

I bambini sanno ragionare ancora prima di imparare a parlare

Salute e Benessere
I bambini sanno ragionare ancora prima di imparare a parlare
© ANSA

 Anche se non sanno parlare, i bambini sono capaci di fare deduzioni e ragionamenti, mostrando sorpresa quando qualcosa va diversamente da come loro hanno previsto. Ciò indica che il ragionamento non si basa necessariamente sul linguaggio, come finora pensato. A spiegarlo sulla rivista Science sono i ricercatori della John Hopkins University, guidati dall'italiano Nicolò Cesana Arlotti.
    In passato diversi studi avevano confermato nei bambini la capacità di fare ragionamenti logici, seguendo un processo di eliminazione, ma non in quelli ancora non capaci di parlare. In questo caso gli studiosi si sono concentrati su bambini tra i 12 e 19 mesi di età, a cui hanno fatto vedere delle animazioni, dove c'erano due oggetti diversi per forma, colore e categoria (un fiore e un dinosauro), che poi venivano nascosti dietro una barriera. Una tazza animata sollevava poi uno degli oggetti, ad esempio il dinosauro, e la barriera rimossa: e qui o si poteva vedere l'oggetto rimasto (il fiore), come previsto, o invece quello rimosso (il dinosauro). I ricercatori hanno tracciato i movimenti degli occhi dei piccoli osservando che fissavano più a lungo la scena in cui l'oggetto 'inaspettato' rimaneva dietro la barriera. Erano 'confusi' dal risultato e speravano di avere più informazioni. Con altre variazioni dell'esperimento hanno confermato che era l'oggetto inaspettato a richiamare di più la loro attenzione, e che le loro pupille erano più dilatate quando vedevano dei video che richiedevano deduzioni razionali. Un fenomeno presente anche negli adulti quando fanno ragionamenti deduttivi.(ANSA).
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook