Giovedì, 19 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo

Software misura lo stato di coscienza dei pazienti in coma

Salute e Benessere
© ANSA

E' in grado di verificare la presenza di uno stato di coscienza in pazienti vegetativi o comatosi, consentendo a questi ultimi di comunicare semplici intenzioni - come sì o no - al personale medico. Il software inventato dal gruppo di ricerca del Centro Puzzle, che collabora con l'ospedale Cto e l'Unità Spinale Unipolare della Città della Salute di Torino, promette di fare la differenza: oltre a migliorare le diagnosi, la scoperta aumenta la qualità della vita di questi pazienti e l'efficacia delle terapie neuro-riabilitative.

    Sono 250mila le persone che entrano ogni anno in coma a seguito di incidenti, intossicazioni o malattie. Il 43%, secondo recenti studi, per recuperando lo stato di coscienza non manifesta alcun segno di presenza nei test diagnostici. Questi ultimi, infatti, si basano solo su risposte motorie a comandi verbali. Il software rileva intenzioni motorie indipendentemente dal fatto che il paziente produca o meno un movimento visibile.(
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook