Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Encelado, il 'motore' delle maree riscalda il suo oceano

Scienza Tecnica
Un'immagine di Encelado ripresa dalla sonda Cassini (fonte: NASA/JPL-Caltech)
© ANSA

C'è un motore che riscalda l'oceano di acqua liquida nascosto sotto i ghiacci di una delle lune di Saturno, Encelado: sono delle potenti maree. E' quanto suggerisce il modello elaborato dal gruppo internazionale coordinato dall'università francese di Nantes sulla base dati raccolti dalla missione Cassini, nata dalla collaborazione fra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e conclusa nel settembre 2017.

Cassini aveva precedentemente scoperto la presenza di un oceano sotto la crosta ghiacciata di Encelado, alimentato da un'intensa attività idrotermale. Aveva anche rilevato acqua salata nell'oceano continente molecole organiche e dei geyser al Polo Sud. Tuttavia, gli studi fatti finora non sono stati in grado di giustificare la presenza di questo enorme calore sotto la superficie di Encelado, né di risalire alla sua fonte. Secondo invece lo studio coordinato da Gael Choblet, il calore è generato dall'attrito delle maree all'interno del nucleo roccioso non consolidato e permeabile di Encelado. Il continuo attrito dell'acqua sul nucleo libera energia, generando un fortissimo calore con temperature superiori a circa 90 gradi.

Per Luciano Iess, dell'università Sapienza di Roma, che nel 2014 aveva scoperto l'esistenza dell'oceano nascosto di Encelado, "il nucleo di questa luna di Saturno viene riscaldato dall'attrito delle maree e questo genera calore che viene rilasciato al Polo Sud e in alcune regioni della superficie di Encelado, che si notano anche dalle foto di Cassini, quelle a forma di 'strisce di Tigre'". A generare le maree è l'orbita ellittica di Encelado intorno a Saturno, che fa si che la luna si avvicini e allontani dal suo pianeta.

Il modello dell'università di Nantes suggerisce che proprio questo enorme calore ha mantenuto l'oceano liquido per un periodo lunghissimo, che va da decine di milioni di anni fino a miliardi di anni. Questo modello, osserva ancora Iess, è anche in grado di spiegare le principali caratteristiche di Encelado: un satellite caratterizzato da un oceano globale in cui agiscono le maree, e soggetto a una forte dissipazione di calore, che da luogo ad una riduzione dello spessore della calotta al Polo sud. "Il calore, l'acqua, la roccia che fornisce i silicati, e permette quindi reazioni chimiche interessanti: sono tutti ingredienti necessari allo sviluppo della vita. Ma attenzione - avverte Iess - non è detto che la vita si possa sviluppare".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook