Venerdì, 10 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Un 'occhio' italiano osserverà le lune ghiacciate di Giove

Un 'occhio' italiano osserverà le lune ghiacciate di Giove

Scienza Tecnica
Rappresentazione artistica della missione Juice nelle lune ghiacciate di Giove (fonti: ESA/ATG medialab; NASA/ESA/J. Nichols, University of Leicester; NASA/JPL; Io di NASA/JPL/University of Arizona; NASA/JPL/DLR)
© ANSA

Uno specialissimo 'occhio' italiano osserverà le lune ghiacciate di Giove: è il radar della missione europea Juice, sviluppato dall'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) in collaborazione con e l'Università di Trento e la Nasa.

Chiamato Rime (Radar Sounder for Icy Moons Exploration), il radar è uno dei 4 strumenti che parlano italiano sui 10 della missione che l'Agenzia Spaziale Europea (Esa) prevede di lanciare nel 2022. A realizzarlo è la Thales Alenia Space (Thales-Leonardo). Penetrando al di sotto dei ghiacci che rivestono le lune di Giove Ganimede, Europa e Callisto, il radar è destinato a fornire dati utili per ricostruire l'ambiente degli oceani nascosti sotto i ghiacci e per capire, ad esempio, se hanno ospitato forme di vita in passato e se sono in grado di ospitarne attualmente.

Giove e le sue lune sono infatti considerati elementi chiave per comprendere la comparsa della vita e la missione Juice (JUpiter Icy Moons Explorer) le raggiungerà a partire dal 2029 per studiarle nel dettaglio. Equipaggiato con un'antenna di 16 metri realizzata dall'azienda tedesca Space Tech, il radar italiano è in grado di penetrare attraverso i ghiacci fino alla profondità di circa 9 chilometri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook