Domenica, 05 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Matematica 'linguaggio' comune per le tecnologie del futuro

Matematica 'linguaggio' comune per le tecnologie del futuro

Scienza Tecnica
La matematica il linguaggio comune per le tecnologie del futuro (fonte: Us Army Illustration)
© ANSA

Dall'Internet delle cose ai Big Data, dalla realtà aumentata alla robotica: tutte le innovazioni tecnologiche del futuro parleranno il linguaggio della matematica. Il miglioramento del suo insegnamento nelle scuole e la creazione di un ecosistema attrattivo per i 'cervelli' che la studiano saranno cruciali per la competitività dell'Italia nel mondo. E' quanto emerge dalla tavola rotonda che al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica ha aperto la cerimonia per la consegna del Premio Innovazione promosso da Leonardo, società leader nel settore dell'aerospazio, della sicurezza e della difesa.

"La matematica è il linguaggio della natura e anche della tecnologia", afferma Luciano Marcocci, responsabile della direzione tecnica di Leonardo, che cita i Big Data, l'Internet delle cose, la realtà virtuale e aumentata tra le innovazioni chiave per il futuro. Tutto sarà sempre più permeato da equazioni e modelli matematici, come del resto accade già oggi: "dall'aerodinamica delle auto di Formula 1 allo studio delle valvole cardiache, le equazioni matematiche sono ovunque", ricorda Alfio Quarteroni, docente di matematica numerica al Politecnico di Milano.

"Per farlo capire ai ragazzi – continua - dobbiamo cambiare paradigma dell'insegnamento, spiegando anche la matematica che sta alla base di cose estremamente attuali, come gli acquisti online o la logistica delle grandi aziende come Amazon". Perché la matematica e le altre discipline scientifiche crescano, "bisogna rendere il territorio attrattivo per il capitale umano - spiega il rettore del Politecnico, Ferruccio Resta - ma in Italia abbiamo difficoltà, soprattutto perché investiamo poco sui dottorati di ricerca e sulle donne. Serve una risposta di sistema, data anche dal miglioramento del rapporto tra università e aziende. La sfida non è solo sul versante tecnologico: i sistemi autonomi del futuro, ad esempio, dovranno essere dotati di algoritmi etici per prendere decisioni: in questo senso le scienze umane, così forti nel nostro Paese, potranno darci una marcia in più nella sfida globale".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook