Martedì, 22 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo

Una pioggia radioattiva ha reso la Terra abitabile

Scienza Tecnica
A sinistra la Terra resa abitabile dalla pioggia di elementi radioattivi; a destra come sarebbe stata se fosse nata in un ambiente più tranquillo (fonte: Thibaut Roger)
© ANSA

La Terra deve la sua superficie solida e il clima favorevole alla vita alla pioggia di elementi radioattivi liberata dall’esplosione di una gigantesca stella che si trovava nell’ambiente in cui si è formato il Sole. Senza queste condizioni iniziali, la Terra sarebbe rimasta un ambiente ostile, coperta di acqua e ghiacci. Lo indica la simulazione al computer condotta dal gruppo del Politecnico di Zurigo coordinato da Tim Lichtenberg, i cui risultati sono pubblicati sulla rivista Nature Astronomy Letters.

I ricercatori hanno simulato al computer la formazione di pianeti simili alla Terra a partire da blocchi di roccia e ghiaccio all’interno delle nubi di gas e polveri che circondano giovani stelle. In queste condizioni la pioggia radioattiva avrebbe, ad esempio, permesso l’esistenza sulla Terra primitiva di un ciclo del carbonio, elemento base della chimica della vita, fondamentale per stabilizzare il clima e creare le condizioni adatte per la comparsa della vita.

“Sembra che siamo stati straordinariamente fortunati”, ha commentato Lichtenberg. In base alle conclusioni dei ricercatori, infatti, la pioggia di elementi radioattivi, come l’alluminio, generata dall’esplosione di una supernova e il loro successivo decadimento “ha riscaldato i corpi ghiacciati del sistema planetario nascente, facendo evaporare parte della loro acqua e impedendo così che venisse trasportata e inglobata nei pianeti”. Uno scenario che potrebbe ricalcare quello delle origini della Terra, circa 4,6 miliardi di anni fa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook