Venerdì, 18 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo

Un pipistrello cosmico - VIDEO

Scienza Tecnica
La nebulosa NGC 1788 sembra un pipistrello cosmico (fonte: ESO)
© ANSA

È nascosto in uno degli angoli più bui della costellazione di Orione, e dispiega le sue ali nello spazio interstellare a 2.000 anni luce di distanza dalla Terra. È un pipistrello cosmico, una nebulosa dalla luce debolissima, immortalata in volo dal telescopio Vlt (Very Large Telescope) dell’Osservatorio Europeo Meridionale (Eso).

La nebulosa, nome in codice NGC 1788, rivela appena i suoi tenui colori, perché è circondata dal una fitta coltre di nubi, dalla quale filtrano solo deboli raggi luminosi provenienti dalle stelle al suo interno. Sufficienti, però, per consentire agli occhi del Vlt di immortalare le ali fatte di nubi interstellari, come se fossero rimaste congelate in volo.

Malgrado questa nebulosa pipistrello appaia piuttosto isolata rispetto agli altri oggetti cosmici, gli astronomi ritengono che sia stata plasmata dal potente vento stellare proveniente da gruppi di stelle massicce nascoste dietro. Getti liberati dalla loro superficie, come accade nel Sole, viaggiano infatti a velocità elevate. E, una volta raggiunta la nebulosa, modellano la coltre di nubi che nasconde le sue stelle. Dandole la curiosa forma di pipistrello.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook