Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

I diamanti raccontano come la Terra è diventata abitabile

I diamanti non sono i migliori amici delle ragazze, come recita la celebre canzone, ma dei geologi: infatti, custodiscono il segreto di come si sono formati e stabilizzati i continenti, che hanno reso abitabile la Terra.

Dal momento che si formano nelle profondità del pianeta, piccoli granelli di minerali possono rimanere intrappolati in queste pietre: per gli amanti dei gioielli sono impurità indesiderate, ma possono fornire indizi preziosi sulle condizioni in cui sono nate.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Science e guidata dall'Istituto Gemmologico Americano (Gia), ha esaminato diamanti provenienti da Sierra Leone, Botswana e Canada. "Dal momento che questo è l'unico pianeta roccioso e attivo dal punto di vista tettonico che conosciamo", commenta Steve Shirey della Carnegie Institution, uno degli autori dello studio, "capire come si sono formati i continenti è essenziale per distinguere cosa lo ha reso in grado di ospitare la vita".

Da questo punto di vista, i diamanti fanno da "messaggeri" provenienti dalle profondità della Terra, contribuendo a risolvere il dibattito sull'origine dei continenti: alcuni ritengono che si formino grazie allo scivolamento delle placche l'una sull'altra - un fenomeno chiamato "subduzione" - altri invece sostengono che nascano da pennacchi di magma incandescente che risale in superficie.

I ricercatori guidati da Karen Smit hanno esaminato minerali ricchi di zolfo in diamanti estratti da Sierra Leone e Botswana: i risultati indicano che il continente dell'Africa occidentale si è formato grazie a due distinti eventi di subduzione avvenuti più di 2,5 miliardi di anni fa. Le pietre estratte dal Canada, invece, raccontano una storia diversa: in questo caso la subduzione è da escludere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook