Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Robotica, nasce il "no profit" delle macchine intelligenti

no profit, robot, Scienza Tecnica
Il robot per assistere gli anziani con l'Alzheimer

E' nato in Italia l'Istituto di robotica e macchine intelligenti (I-Rim), che riunisce tutti gli attori e scienziati italiani del settore, dalla ricerca più visionaria all'industria più aperta alle tecnologie avanzate. Il suo presidente neoeletto è Antonio Bicchi, dell'Università di Pisa e dell'Istituto Italiano di tecnologia (Iit) di Genova.

"I-rim è un'associazione nazionale no profit che vuole promuovere lo sviluppo e l'uso delle tecnologie dell'interazione per il benessere dei cittadini e della società", ha rilevato l'Università di Pisa in una nota. "Il motto del nostro neonato istituto è 'Diamo corpo all'intelligenza artificiale' – dice Bicchi – e le tecnologie dell'interazione (Iat) si concentrano infatti su quegli aspetti dell'intelligenza artificiale che hanno a che fare con il mondo fisico e su come modificarne il comportamento. Sono quindi complementari alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (Ict), che si occupano principalmente di raccogliere, trasmettere e analizzare dati".

Alcuni campi in cui le tecnologie dell'interazione sono indispensabili, spiega ancora l'Università di Pisa, "sono l'ausilio fisico alle persone anziane o disabili, la riduzione dei pericoli e della fatica nel lavoro, il miglioramento dei processi di produzione di beni materiali e la loro sostenibilità, la sicurezza, l'efficienza e la riduzione dell'impatto ambientale del trasporto delle persone e dei beni, il progresso delle tecniche diagnostiche e chirurgiche".

La presentazione di I-Rim è in programma in un grande appuntamento di tre giorni, dal 18 al 20 ottobre 2019, nei padiglioni 9 e 10 della Fiera di Roma in coincidenza e in collaborazione con Maker Faire - The European Edition 2019. Tra gli eventi previsti, la prima edizione della Conferenza Italiana di Robotica e Macchine Intelligenti, organizzata per far conoscere, a chi sviluppa prodotti e applicazioni, le possibilità offerte dai risultati più recenti. Le presentazioni avranno un taglio non accademico, chiaro e comprensibile per un pubblico tecnicamente accorto anche se non altamente specializzato.

A organizzare l'evento saranno Alessandro De Luca (Sapienza Università di Roma), Barbara Caputo (Politecnico di Torino e Iit), Cecilia Laschi (Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa) e Domenico Prattichizzo (Università di Siena).

Nei padiglioni della Fiera, in collaborazione con Maker Faire Rome, in programma anche una esposizione delle Tecnologie dell'Interazione presenti e future. Il contenitore, chiamato 'Dai Progetti ai Prodotti', metterà in mostra i prodotti della ricerca e dell'industria italiana e le loro applicazioni, presenterà i progetti che creeranno i prodotti futuri e informerà sui programmi dei finanziatori che li sostengono. Eugenio Guglielmelli (Università Campus Bio-Medico di Roma), Claudio Melchiorri (Alma Mater Studiorum Università di Bologna) e Giorgio Metta (Istituto Italiano di Tecnologia e University of Plymouth, UK) saranno i fautori di quest'area espositiva.

Un ulteriore elemento di novità è l'evento "Ricerca Ti Presento Innovazione", che darà la possibilità di fare incontrare la domanda e l'offerta di alta tecnologia. A coordinarlo saranno Sergio Savaresi (Politecnico di Milano) e Fabrizio Caccavale (Università della Basilicata).

"Siamo particolarmente felici di collaborare, nell'ambito di Maker Faire Rome, all'evento di nascita dell'Istituto di Robotica e Macchine Intelligenti, con la partecipazione dei nomi più illustri della Ricerca italiana applicata alle tecnologie avanzate", ha detto il presidente della Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti. "La robotica - ha aggiunto - ha avuto negli ultimi due anni un ruolo importante nella nostra manifestazione. Abbiamo ospitato, grazie alla curatela di Bruno Siciliano dell'Università di Napoli "Federico II", alcuni dei più bei nomi nazionali e internazionali del settore - tra cui Maria Grazia Carrozza, Cecilia Laschi, Federica Pascucci, Anibal Ollero, Juha Roning - cercando di spiegare al grande pubblico, in maniera semplice, quali sono le evoluzioni in corso. Il pubblico, a sua volta, ha avuto modo di interagire con i tantissimi set-up della robotica presenti all'interno dei padiglioni delle Maker Faire 2017 e 2018 divertendosi e, soprattutto, sperimentandosi nell'interazione. Maker Faire Rome - conclude Tagliavanti - sta diventando, sempre più, una piattaforma inclusiva, ma soprattutto un grande momento d'incontro tra mondo della ricerca, imprese e giovani (e meno giovani) innovatori".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook