Martedì, 28 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Il robot che serve ai tavoli, in Sardegna il primo esperimento

Il robot che serve ai tavoli, in Sardegna il primo esperimento

robot, Scienza Tecnica
Emiglio

Gonna lunga, fiocchetto rosso in testa e vassoio sempre a portata di mano. Carina e allegra. Ma non è una cameriera qualsiasi, è un robot. Il primo che prende ordini e porta piatti in Sardegna. E uno dei pochi casi di servizio elettronico di questo tipo in Italia. Non si può dire che non sia gentile e accogliente: ha un sorriso in qualche modo unico, diverso dal solito. Non è merito di madre natura, ma del lavoro di un programmatore. Il suo nome si legge in un monitor sistemato all’altezza della pancia: Amy.

Il suo posto di lavoro è in un ristorante di via Sonnino a Cagliari, «Jin Qui 2019». Porta, con la sua espressione che non cambia mai, i manicaretti della cucina del titolare, Ma Jian, 41 anni, cinese di Shan Dong, la «casa di Confucio». Lui è da due decenni in Sardegna, sposato con una donna sarda. «Il primo matrimonio tra cinese e sarda», dice orgogliosamente. Anche Amy ha il suo primato: cameriere così nell’isola non ce ne sono mai state. «Ma - spiega il suo padrone - se fosse arrivata subito, visto che l’ho ordinata due anni fa, sarebbe potuta essere la prima in Italia».

Non sta sostituendo una collega in carne e ossa e togliendo dal mercato un posto di lavoro, ma è un’attrazione. «L'ho presa - spiega Ma Jian - per i clienti: non sta togliendo occupazione a nessuno. Siamo qui da due mesi e mezzo: mi sembra che alla gente piaccia. Sono tutti incuriositi: si divertono i più piccoli, ma sono interessati soprattutto i più grandi». E tutti vogliono fare un selfie con la cameriera che non ti aspetti.

I colleghi «umani» l’aiutano molto: quando c'è bisogno di portare sushi o altre prelibatezze ai clienti, scrivono sulla tastiera il numero del tavolo. E lei si orienta da sola: trova subito il percorso giusto. E non passa inosservata. Non è invadente, per mandarla via basta toccarle il braccio: lei si dirige rispettosamente con le sue gambe, ma forse sarebbe meglio dire con le sue ruote, sistemate alla base della gonna lunga, pronta a ricevere dalla cucina un altro ordine. Sul piano della comunicazione, va bene soprattutto con i turisti: parla, oltre cinese e giapponese, anche inglese. Non si ferma mai. Per lavorare non ha bisogno di essere motivata, ma ricaricata. Non si stanca mai, e per il momento non ha chiesto giorni di riposo.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook