Sabato, 06 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Le meduse possono irritare la pelle anche a distanza
LO STUDIO

Le meduse possono irritare la pelle anche a distanza

Le meduse possono irritare la pelle non solo a seguito del contatto con i temuti tentacoli, ma anche tramite il rilascio di sostanze nell’acqua. Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato su Communications Biology dai ricercatori dello Smithsonian Museum of Natural History, che hanno scoperto alcune strutture microscopiche nel muco rilasciato dalle meduse Cassiopea. Stando a quanto riportato dagli studiosi, queste piccole strutture rilasciate nell’oceano, chiamate cassiosomi, sarebbero un elemento fondamentale nel processo di alimentazione degli animali.

La puntura di questa specie di meduse non sarebbe infatti particolarmente dolorosa per i nuotatori umani, che sperimentano una fastidiosa sensazione di prurito, ma potrebbe essere fatale per creature più piccole, che potrebbero restare paralizzate anche in assenza di contatto.

Il team di ricerca infatti ha analizzato il muco rilasciato dalle meduse, scoprendolo ricco di tossine. «E' stata una scoperta attesa, ma sorprendente», afferma Cheryl Ames del National Museum of Natural History. «Questo studio è un progetto nato diversi anni fa dalla curiosità del gruppo di ricerca, che ha sperimentato in prima persona il disagio di nuotare anche a distanza di un gruppo di meduse Cassiopea», prosegue la ricercatrice.

«Abbiamo identificato tre diverse tossine all’interno dei cassiosomi. Il veleno emesso dalle tossine non è mortale per l’essere umano, ma è risultato fatale per gamberetti e piccoli crostacei. Sappiamo ancora molto poco del veleno delle meduse, ecco perchè la nostra scoperta è particolarmente eccitante», commenta Anna Klompen dell’Università del Kansas. «Inoltre, sebbene le meduse Cassiopea siano ben note da oltre due secoli, non avevamo conoscenze molto discontinue dei cassiosomi. Sapevamo anche che l’acqua a contatto con le meduse diventa pericolosa, ma non eravamo a conoscenza di cosa accadesse», aggiunge Allen Collins della National Oceanic and Atmospher Administration.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook