Sabato, 31 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Ripresa la morte di una stella per "spaghettificazione"
SPAZIO

Ripresa la morte di una stella per "spaghettificazione"

Ripresa la morte di una stella per 'spaghettificazione': brandelli della sua luce sono stati catturati dai telescopi mentre veniva divorata da un buco nero. Il risultato potrebbe diventare una stele di Rosetta per comprendere questi fenomeni e aiuta a capire meglio i buchi neri supermassivi e come si comporta la materia che li circonda. Pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, il risultato si deve al gruppo di ricerca internazionale guidato dall’astronomo Matt Nicholl, dell’università britannica di Birmingham.

«L'idea di un buco nero che 'risucchià una stella vicina sembra fantascienza. Ma questo è esattamente ciò che accade», rileva Nicholl. La scoperta è stata possibile grazie a osservazioni da terra e dallo spazio con il Very Large Telescope e il New Technology Telescope dell’Osservatorio Europeo Meridionale (Eso), i telescopi della rete globale Osservatorio Las Cumbres e il satellite Swift della Nasa. L’armata di strumenti ha catturato una rara esplosione, emessa da una stella mentre viene risucchiata da un buco nero supermassivo. Le osservazioni hanno mostrato che, spiega Nicholl, «la stella aveva circa la stessa massa del Sole e che ne ha perso la metà a causa del buco nero, che è oltre un milione di volte più massivo».

L’evento, chiamato AT2019qiz, è la più vicina esplosione del suo genere mai registrata. Si è verifica a soli 215 milioni di anni luce, in una galassia a spirale nella costellazione dell’Eridano. Fenomeni di questo tipo si verificano quando una stella passa troppo vicino a un buco nero e l’estrema attrazione gravitazionale del mostro cosmico distrugge la stella, riducendola in sottili flussi di materia, un processo chiamato "spaghettificazione». Durante il processo parte del materiale cade nel buco nero, rilasciando un bagliore luminoso di energia, come quello rilevato in questo caso. Questi eventi sono rari e non sempre facili da studiare perché di solito sono oscurati da una cortina di polvere e detriti. I ricercatori sono riusciti a studiarlo con dettagli senza precedenti perché è stato rilevato poco tempo dopo che la stella è stata fatta a pezzi.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook