Martedì, 20 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Terra e Gusto

Home Terra e Gusto Istat: in flessione il settore agricolo, si rafforza l’agroalimentare

Istat: in flessione il settore agricolo, si rafforza l’agroalimentare

ROMA (ITALPRESS) - Il settore dell'agricoltura, silvicoltura e pesca ha registrato nel 2019 una flessione: la produzione è diminuita in volume dello 0,7% e il valore aggiunto è sceso dell'1,6%. E' quanto emerge dal Rapporto Istat sull'andamento dell'economia agricola. L'agricoltura in senso stretto ha fatto segnare un calo dello 0,8% del volume della produzione e dell'1,7% del valore aggiunto. Segnali negativi anche per la silvicoltura, con un decremento sia della produzione (-0,7%) che del valore aggiunto (-1,1%). In controtendenza il comparto della pesca, che ha visto un aumento sia della produzione (+1,7%) che del valore aggiunto (+1,6%).
Nel 2019 è proseguita la crescita del valore aggiunto dell'industria alimentare, delle bevande e del tabacco, aumentato del 2,7% a prezzi correnti e del 2,0% in volume. Il complesso del comparto agroalimentare (che comprende agricoltura, silvicoltura e pesca e l'industria alimentare) ha segnato un aumento del valore aggiunto dell'1,0% a prezzi correnti e dello 0,1% in volume.
In questo comparto si è formato il 4,1% del valore aggiunto dell'intera economia (dal 3,9% del 2018), il 2,2% nel settore primario (era il 2,1% nel 2018) e l'1,9% nell'industria alimentare (1,8% nel 2018). Nonostante le difficoltà, quindi, il settore agroalimentare è riuscito a consolidare nel 2019 il proprio peso all'interno del quadro economico nazionale.
L'occupazione di agricoltura, silvicoltura e pesca, misurata in Unità di lavoro (Ula), è rimasta sostanzialmente stabile rispetto al 2018 (+0,1%): la componente del lavoro dipendente è lievemente aumentata (+0,5%) mentre quella indipendente è rimasta ferma ai livelli del 2018. A causa della flessione registrata nell'industria alimentare (-2,0%), l'input di lavoro dell'agroalimentare ha subito un decremento complessivo dello 0,4%. Nel 2019 i redditi da lavoro dipendente in agricoltura silvicoltura e pesca sono aumentati dell'1,9%; in particolare le retribuzioni lorde sono cresciute dell'1,7%. Gli investimenti fissi lordi nel settore hanno registrato una variazione positiva in valori correnti (+0,5%) e un modesto decremento in volume (-0,1%).
Il 2019 si è rivelato un anno decisamente negativo per la produzione di vino; si è registrato un consistente ridimensionamento dei volumi (-12,1%) e dei valori produttivi (-17,5%). L'annata 2019 è stata negativa anche per la frutta (-6,6% della produzione in volume e -12,6% in valore). Il prodotto agricolo con la migliore performance nel 2019 è stato l'olio d'oliva, la cui produzione è cresciuta del 27,6% in volume e del 29,6% in valore, con un aumento dei prezzi alla produzione dell'1,6%. Sul fronte dei prezzi, il 2019 ha visto una crescita complessiva dell'1% dei prezzi dei prodotti agricoli, mentre i costi di produzione dell'agricoltura per il 2019 sono risultati ancora in crescita.
(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook