Domenica, 20 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo

Raffaello e Urbino, dalle Origini al Mito

URBINO - Un coinvolgente percorso, reale e virtuale, che trasporterà il visitatore nello scenario e negli ambienti che hanno visto nascere, crescere e formarsi Raffaello Sanzio. E' la la mostra "Raffaello, dalle Origini al Mito" che anticipa l'anno della celebrazione di Raffaello 2020 e che si svolgerà nella casa natale dell'artista a Urbino, dal 2 marzo al 6 aprile. "Non è una mostra - ha detto il presidente dell'Accademia Raffaello Luigi Bravi-, è molto di più. Festeggiamo così anche i 150 anni di vita della nostra istituzione culturale. Una sperimentazione dei contenuti che già possediamo e che vogliamo diversamente comunicare, coinvolgendo i numerosi visitatori della prossima primavera". "Esplorare gli spazi consueti della casa di Giovanni Santi e del piccolo Raffaello - ha spiegato Stefano Bergonzini, di Museyoum - con delle suggestioni differenti, ricostruendo ambienti quotidiani, dalla bottega al primo piano, fino alle opere e quindi al Mito dell'ultimo". "Una realtà virtuale - ha sottolineato Riccardo Ricci, della stessa società organizzatrice dell'evento - sviluppata da tecnologie invisibili, con ambientazioni sonore e interattive in cui immergersi, senza bisogno di propri device.

    Con la matericità come filo rosso da seguire, ogni sala avrà il suo perché". Il presidente di Confindustria Mario Papalini ed Enrico Battistelli di BPCube, hanno invece parlato del progetto "E se funzionasse", per raccogliere idee e progetti innovativi di studenti e imprenditori. Il sindaco Maurizio Gambini ha sottolineato l'importanza della collaborazione tra le varie istituzionii locali (Soprintendenza, Comune, Università, Accademia) con l'obiettivo di valorizzare il patrimonio artistico e culturale del territorio. Una vera e propria "famiglia", di cui fa aprte anche Vittorio Sgarbi. Il biglietto d'ingresso alla Casa Natale di Raffaello non subirà aumenti durante l'evento, l'esperienza interattiva verrà poi proposta in altre città italiane.
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook