Martedì, 06 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi Turismo in ripresa, ma livelli pre-pandemia ancora lontani

Turismo in ripresa, ma livelli pre-pandemia ancora lontani

CHIANCIANO TERME (ITALPRESS) – Un settore in ripresa dopo la pandemia, ma con molte criticità ancora da affrontare: è questa la fotografia che emerge dagli Stati Generali del Turismo, la prima conferenza programmatica nazionale sul settore che per due giorni ha riunito a Chianciano Terme oltre 100 tra operatori e professionisti, con l’obiettivo di fare

CHIANCIANO TERME (ITALPRESS) - Un settore in ripresa dopo la pandemia, ma con molte criticità ancora da affrontare: è questa la fotografia che emerge dagli Stati Generali del Turismo, la prima conferenza programmatica nazionale sul settore che per due giorni ha riunito a Chianciano Terme oltre 100 tra operatori e professionisti, con l'obiettivo di fare il punto sullo stato dell'offerta turistica italiana e delineare le azioni future per il rilancio.
Gli ultimi dati illustrati dall'Istat all'avvio della conferenza fanno ben sperare per la ripresa del settore: nel periodo gennaio-agosto 2022, in Italia è stato registrato un aumento delle presenze turistiche totali pari al 74,7% rispetto allo stesso periodo del 2021, ma c'è ancora parecchia strada da fare per ritornare ai livelli pre-pandemia.
Secondo Federalberghi, nel periodo gennaio-settembre 2022, il calo è delle presenze è del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2019: le associazioni di settore quindi chiedono, nel breve periodo, sostegni per affrontare le emergenze - a partire dal caro bollette - e, nel lungo periodo, una rimodulazione delle risorse del Pnrr per rendere più attrattive le strutture.
Diverse le esigenze provenienti dai diversi comparti: anche il turismo wellness va ripensato con investimenti mirati e la creazione di una rete di eccellenze per rilanciare il settore.
In grande ripresa le fiere, che nel 2022 contano di ritornare ai livelli pre-Covid ma, per poter generare un'ulteriore crescita, chiedono supporto per colmare il divario dai grandi competitor internazionali.
Oltre alla fotografia dello stato del settore e all'analisi delle principali criticità da affrontare, gli Stati Generali sono stati l'occasione per evidenziare i nuovi trend di gradimento, dal glamping all'outdoor, dall'esperienza dei 'musei diffusì al turismo di prossimità, riscoperto proprio dopo la pandemia. Ora che le persone ricominciano a viaggiare, emerge sempre più l'esigenza di un turismo 'organizzatò a partire da un sistema di trasporti integrato e sostenibile, che coinvolga il trasporto ferroviario e quello su gomma, ma anche il settore aeroportuale e crocieristico.
Infine, l'ultimo panel degli Stati Generali del Turismo si è concentrato sulla valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche italiane, un "asset fondamentale del turismo" del Belpaese, come ha evidenziato l'amministratore delegato di Enit, Roberta Garibaldi, che ha sottolineato l'importanza della salvaguardia, della comunicazione e della promozione dell'enogastronomia come volano del turismo anche nei confronti dell'estero.

- foto: xi2/Italpress

(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook