Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Fame nel mondo e non solo, le associazioni ai Grandi: "Aprite le orecchie"

"Questa è una crisi senza precedenti, richiede un'azione immediata e soluzioni di lungo periodo". Da qui l'appello con due hashtag, #NowNotLater e #aprileorecchie, lanciato da un gruppo di associazioni attive, tra Taormina e Giardini Naxos, nei giorni del G7 per sensibilizzare il mondo (a partire dai suoi leader) su temi quali la fame, le povertà, il fenomeno migratorio. Stamani alcuni rappresentanti di Action, Actionaid, Gcap (Global call to action against poverty), Global Citizen, Oxfam, Save the Children, Scaling Up Nutrition e Civil Society Network hanno rilanciato alla stampa gli argomenti delle loro azioni: "Ogni anno - si legge in un documento - 3 milioni di bambini muoiono a causa della malnutrizione. In Sud-Sudan, Somalia, Yemen e nord-est della Nigeria, 30 milioni di persone si trovano in condizioni allarmanti a causa della fame e della carestia. Nel 2015, i Governi del G7 si sono impegnati a sollevare dalla fame e dalla malnutrizione 500 milioni di persone. Due anni dopo, il numero di coloro che si trovano in gravi situazioni di insicurezza alimentare è aumentato del 40%". Quindi le associazioni si rivolgono direttamente ai leader del G7: "Mantenete le vostre promesse. Investite fondi per salvare vite umane, mettete fine ai conflitti e sostenete interventi che rafforzino la resilienza delle comunità più povere".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook