Domenica, 19 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Guerra di camorra a... Firenze. Il video choc dell'attentato a una pizzeria

Guerra di camorra a... Firenze. Il video choc dell'attentato a una pizzeria

Dalla Toscana spedizioni punitive contro i rivali in Campania

Disponevano di armi ed erano pronti ad azioni violente compreso l’omicidio, gli associati del clan che si erano insediati a Firenze, scegliendo come base operativa una pizzeria acquistata poco dopo l’inizio della pandemia. E’ quanto emerso in merito alle indagini che oggi hanno portato all’arresto di 10 persone nell’ambito di un’operazione di polizia e guardia di finanza di Firenze che avrebbe portato a bloccare l’ascesa di un clan camorristico della provincia di Salerno, quello dei Cuomo.

In base alle indagini, gli associati avrebbe avuto la disponibilità di almeno cinque pistole, due delle quali nascoste proprio nel locale. I componenti del clan avrebbero anche organizzato spedizioni punitive a Nocera Inferiore, per commettere azioni dimostrative contro i componenti del clan rivale, indicato nelle intercettazioni come «quelli di Piedimonte», che li avevano scavalcati nel controllo del territorio nel Nocerino. "Questa volta se ti metti in mezzo a Nocera devi fare il morto": così uno degli associati al clan Cuomo spiega la strategia del gruppo in caso di nuovi contrasti col gruppo rivale. «Un bel furgone - prosegue - con due che guidano il furgone e altri dietro e tu dietro a tutto... Tu gli devi dire è questo qua... Quelli devono aprire gli sportelli, se lo tirano dentro, lo portano in una parte già col fosso fatto e lo butti là dentro».

Il gruppo, così gli inquirenti, era capeggiato da Michele Cuomo e, di poco sotto nella gerarchia, dal fratello Luigi, formale titolare della srl che gestiva la pizzeria di Firenze, entrambi destinatari della misura di custodia cautelare in carcere. In manette anche i due uomini considerati al livello più alto del gruppo operativo: Domenico Rese e Filippo Boffardi. Sempre in carcere sono finiti Gennaro De Prisco, incaricato tra l'altro di custodire le pistole e il relativo munizionamento, e i due uomini del gruppo rivale accusati dell’attentato incendiario alla pizzeria, Luigi D’Auria e Sabato Mariniello. (ANSA)

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook