Domenica, 17 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'EMERGENZA

Sanità, pochi medici nei Pronto soccorso: Sicilia e Calabria tra le regioni più in difficoltà

È emergenza per la carenza di medici in ospedali e Pronto soccorso: «Ad oggi, se ne contano almeno 8mila in meno rispetto al fabbisogno, di cui 2mila proprio nei Pronto soccorso - afferma all’Ansa il segretario del sindacato medico Anaao, Carlo Palermo - Un’emergenza presente da tempo ma che si aggraverà d’estate con le ferie del personale».

Anche i Servizi di emergenza 118 sono «al collasso - denuncia il presidente Sis 118 Mario Balzanelli - In alcuni casi si sono dovute sospendere le ferie per garantire l’assistenza». «Non si può continuare ad ignorare la situazione dei servizi di emergenza 118: c'è una grave carenza di medici e infermieri del 118 in tutte le Regioni - afferma Balzanelli - e la situazione si aggraverà in Estate, periodo in cui invece le richieste di soccorso aumentano di oltre un terzo, soprattutto nelle zone costiere. Si tratta di salvare delle vite e con questi numeri l’assistenza di emergenza non può essere garantita».

I numeri, spiega Balzanelli all’Ansa, «parlano da soli: a Milano, ad esempio, disponiamo solo di 5 mezzi di soccorso con medico a bordo, tra ambulanze e auto mediche, mentre a Bologna sono solo 2 i mezzi di soccorso con medico». Ma la situazione «è emergenziale un pò in tutta Italia. A Taranto, per due anni, abbiamo dovuto sospendere le ferie dei medici del 118 proprio per garantire il servizio».

Ora, in vista delle vacanze estive e del prevedibile aumento della richiesta di servizi di soccorso, sottolinea, «abbiamo previsto un potenziamento del numero di ambulanze sul territorio, per quanto possibile, ma il problema è che mancano i medici e dunque le ambulanze avranno a bordo solo l’autista-soccorritore». Anche il maggiore sindacato dei medici dirigenti, l'Anaao-Assomed, parla di «situazione di emergenza», precisando che l’allarme per la carenza di medici «è una questione che i sindacati stanno denunciando da tempo».

A livello nazionale, afferma Palermo, «registriamo almeno 8-10mila medici in meno rispetto al fabbisogno e questo per effetto del blocco del turn-over dal 2009. Ora il settore più penalizzato è proprio quelle dell’emergenza e dei Pronto soccorso, dove i medici in meno sono circa 2mila». La sofferenza, sottolinea, «è maggiore negli ospedali del Centro-Sud: in Molise, Sicilia, Calabria, Lazio e Campania, gli ospedali registrano infatti il 30% in meno della dotazione organica rispetto al 2009».

E con le prossime ferie estive del personale medico-sanitario si avrà un «ulteriore aggravio al quale si sta cercando in alcuni casi di sopperire ricorrendo, ad esempio - rileva Palermo - ai neo-laureati, ai medici pensionati o stranieri». Quanto all’ipotesi del ministro Trenta di inviare medici militari in Molise, «siamo in emergenza e dunque ben venga tale misura se fattibile, ma la soluzione strutturale - conclude - sta nel decreto Calabria appena approvato».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook