Mercoledì, 16 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
FRANCOFORTE

Manovra, l'allarme della Bce: "Deviazioni preoccupanti, pesa sul deficit dell'Eurozona"

banca centrale europea, eurozona, manovra, Sicilia, Economia
Mario Draghi, presidente della Bce

Resta acceso il faro della Banca Centrale Europea sui conti dell’Italia, che avranno un impatto anche sulle prospettive di indebitamento dell’Eurozona, dopo «l'ampia» deviazione del Governo dalle regole del Patto di Stabilità e Crescita.

Nel suo ultimo bollettino economico dell’anno, stilato però prima delle correzioni alla manovra, la Bce ricorda che «è necessario proseguire gli sforzi di risanamento delle finanze pubbliche nel pieno rispetto del Patto di Stabilità e Crescita (Psc)» e in quest’ottica è quindi «particolarmente preoccupantela circostanza che la più ampia deviazione rispetto agli impegni assunti si riscontri in Italia, un Paese in cui il rapporto tra debito pubblico e Pil è notevolmente elevato».

Francoforte spiega che «il forte indebitamento» rende i Paesi «vulnerabili» a eventuali shock economici e finanziari e nel caso dell’Italia fa notare che lo spread Btp-Bund ha visto negli ultimi tre mesi «una notevole volatilità» a differenza di quelli degli altri Paesi della zona euro che «si sono mantenuti sostanzialmente stabili». Ma non solo.

«La mancata costituzione di sufficienti margini di bilancio» in Paesi ad alto debito fa anche «aumentare il rischio» che i loro Governi debbano «inasprire le politiche di bilancio in periodi di futuro rallentamento economico», avverte la Bce, mettendo quindi in risalto che «uno degli insegnamenti più importanti ricavati dalla recente crisi finanziaria è che solide posizioni di bilancio dotano i Paesi di margini di manovra cui possono dover ricorrere per fronteggiare shock imprevisti».

E l’Istituto guidato da Mario Draghi rincara la dose rimarcando che la deviazione dei conti pubblici italiani dal Psc andrà a pesare poi sull'indebitamento dell’Eurozona. «Le prospettive relative al disavanzo delle amministrazioni pubbliche dell’area dell’euro per i prossimi due anni sono peggiorate» e «il più elevato disavanzo è in parte il risultato di un notevole peggioramento del saldo di bilancio previsto in Italia, in seguito all’espansione fiscale inserita nei documenti programmatici di bilancio», scrive ancora la Bce nel bollettino in cui conferma al ribasso le stime di crescita per la zona euro per quest’anno e l’anno prossimo: rispettivamente all’1,9% dal 2% e all’1,7% dall’1,8% precedenti.

Francoforte spiega che «i rischi per le prospettive di crescita si possono tuttora ritenere sostanzialmente bilanciati» ma che «si stanno orientando al ribasso». E le cause sono «le persistenti incertezze connesse a fattori geopolitici, la minaccia del protezionismo, la vulnerabilità nei mercati emergenti e  volatilità nei mercati finanziari», conclude la Bce.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook